Video Marketing Aziendale: alcune (ottime) idee per iniziare

Come fare Content Video Marketing? E’ una domanda che si fanno sempre più imprenditori. Eh già, chi lavora nel Web Marketing sa bene quanto è importante integrarli nella propria strategia pubblicitaria. Non a caso tutte le volte che si fanno previsioni sul futuro del Content Marketing, si finisce sempre col dire “L’anno prossimo sarà l’anno del video!”.

La verità è che nessuna annata sarà quella buona. Perché i video funzionano e funzioneranno sempre!

Se non hai mai preso in considerazione l’idea di utilizzarli, beh, forse è arrivato il momento di farlo. Aspetta, stai pensando che siano una prerogativa solo dei grandi brand allora stai sbagliando di grosso. Se credi invece di non essere all’altezza per mancanza di idee e competenze, con questo articolo ti ricrederai- o almeno si spera!

Content Video Marketing: che cos’è e perché funziona

Il Content Video Marketing è un insieme di strategie che fanno leva su materiali audiovisivi per promuovere prodotti e servizi. A volte viene chiamato Video Advertising. Proprio come accade per il Content Marketing, questa tecnica da i suoi migliori frutti se inserita all’interno di una solida struttura narrativa, esatto, intendevo proprio lo storytelling.

Non ci sono segreti. Devi (solo) imparare a raccontare. I tuoi prodotti, la tua azienda, il tuo personal brand. Narrare per emozionare. Già i contenuti video servono proprio a questo, fare breccia nell’emotività delle persone per poi traferire loro determinati concetti, valori. Lo stesso meccanismo su cui si basa la tradizionale pubblicità su TV.

La ricetta vincente per fare Video Marketing sta nel dosare bene strategia e creatività. Certo le competenze tecniche servono eccome, soprattutto saper usare programmi di video editing come Adobe Premiere, Lishtwork oppure VideoMakerFx.

Il punto è che non servono necessariamente competenze tecniche ed attrezzature professionali, anche se averle non guasta. Non hai bisogno di Quentin Tarantino alla regia. Uno smartphone, una webcam, potrebbero essere più che sufficienti. L’importante è avere qualcosa da dire, o meglio, saper trasmettere informazioni di valore e dimostrarti esperto e affidabile nel tuo campo.

Meritano di essere menzionati i webinar che funzionano parecchio bene inseriti all’interno di una strategia di funnel marketing. Ricordi l’ultima volta che hai seguito uno gratuito? Scommetto che dopo qualche giorno gli organizzatori ti avranno rincorso fino allo sfinimento con banner, inserzioni su Fb ed Instagram, e così via.

Fare Video Marketing però, richiede appunto anche attenzioni e accorgimenti da marketer. Ci vuole dunque un’accurata pianificazione editoriale su social e web, scegliendo con attenzione la tipologia di video più adatta con cui creare engagement. Con un buon video, gli utenti saranno ben disposti a ricondividere sui propri social network, coinvolgendo gli amici ed innescando il passaparola.

Ecco di seguito un elenco delle diverse idee per il tuo Video Marketing aziendale.

Idee e Spunti per i tuoi Video

Dietro le quinte

Le persone adòrano essere coninvolti nel dietro le quinte.

Se disponi di informazioni esclusive riguardo un progetto o una situazione a cui i clienti potrebbero essere interessati, prendi in considerazione di montare un video sul dietro le quinte.

Questi sono di solito meno raffinati dei video tradizionali e incorporano molti filmati non rielaborati con momenti di preparazione all’evento: gag, prove tecniche, momenti di trepidazione. Tutto fa brodo se combinato nel modo giusto 😉 Per di più, funzionano sia per B2C che B2B.

Se vuoi promuoverti sui social, puoi anche pensare a qualcosa di improvvisato. Ad esempio, la blogger-marketer-influ Spora, Veronica Benini, in occasione del suo evento ciclico, il 9 Muse Milano, mostra il dietro le quinte dell’organizzazione già fin dai primi momenti.

La sua audience viene quasi ogni giorno stimolata a conoscere di più sull’evento futuro e in questo modo riesce a creare un effetto teaser pazzesco.

Si può dire che questa tecnica abbia funzionato, dato che ogni anno le partecipazioni al 9 muse crescono esponenzialmente.

Spora mostra il palco del prossimo 9 Muse Milano
Anche sulla pagina dell’evento stesso si parla dei preparativi

Se questi esempi non bastassero, sicuramente ti convincerà questo esempio fornito dal big dei big: il mondo di Apple.

Dirette o Live Streaming

Il pubblico cerca un rapporto più stretto e sentito coi brand. Chiede trasparenza ed è disposto ad affezionarsi al marchio che la restituisce.

Ebbene, tale senso di intimità riescono proprio a trasmetterla i contenuti live. Strumenti con un’autenticità che non può essere eguagliata.

Non solo. La natura effimera di questa modalità incuriosisce particolarmente l’audience. Quando la gente ha paura di perdersi qualcosa, è più probabile che si fermi e presti attenzione.

Questi video si basano sulla diretta di particolari momenti, quotidiani e non, e servono a comunicare con il proprio target tramite un vero e proprio dialogo. Gli utenti possono generalmente interagire con dei commenti scritti all’interno del video, oppure chiedere di intervenire attraverso una sorta di video-call.

Video marketing: Webinar SEMrush
Una diretta sul canale Youtube di Semrush

Questi sono i motivi per cui tutti i principali social network hanno dato e continuano a dare particolare enfasi a questo tipo di media.

Dopo il boom di Snapchat, nel 2017 anche Instagram aggiunse l’opzione delle storie live. Tutt’ora avvisa con una notifica i tuoi follower per far sapere a tutti che hai iniziato a trasmettere un video in diretta. Se ne scegli l’opzione, nel corso della diretta, Instagram invierà notifiche anche a ulteriori utenti (non tuoi follower) affinché vi siano sempre più spettatori.

A novembre 2018 Facebook ha invece introdotto i video Party. Puoi avvisare i tuoi amici di essere online e chiedere di guardare insieme video a tua scelta, metterli in fila di riproduzione e commentarli in tempo reale. In pratica, una festa digitale fatta di clip e commenti.

Per non parlare di Youtube. Piattaforma video per eccellenza, viene infatti spesso utilizzata per webinar di formazione anche da parte di grandi aziende. Per citarne una: SEMrush.

Video Tutorial

I Video Tutorial sono dei video basati su una determinata query, ovvero una specifica ricerca on line con determinate keywords. Aiutano l’utente a svolgere un’azione e dunque a raggiungere un determinato obiettivo.

Questi video corrispondono alla versione audiovisiva dei blog post che includono all’inizio della propria headline la parola “Come fare (…)”. Si propongono infatti come contenuti che fungono da guida, lezione per aiutare gli utenti a fare qualcosa. Risultano molto efficaci ad incrementare il traffico verso un sito web o una piattaforma.

Il Video Tutorial ha una durata variabile, può durare 30 secondi come 2 o 5 minuti o anche di più. Tutto dipende dall’argomento da trattare e dal settore merceologico. Chi si occupa di Video Marketing può decidere personalmente cosa comunicare e come farlo. Ci si può fare un’idea facendo una ricerca, tramite appositi tools on line come Ubersuggest, riguardo alle keywords ricercate su Youtube. Non tutti si ricordano che quest’ultimo è il secondo motore di ricerca più utilizzato in assoluto subito dopo Big G.

Interviste

I video interviste di solito mettono in luce una o due persone che rispondono ad una serie di domande. L’intervistato è preferibilmente qualcuno che il tuo pubblico conosce già (un influencer, un noto oratore, un autore, ecc.) o qualcuno che non conoscono ma di cui potrebbero apprezzarne l’ascolto.

Questo tipo di video viene utilizzato per dare informazioni, un valore in più a chi ti segue. È importante scegliere un interlocutore che credi il tuo target possa apprezzare, che è in linea coi tuoi valori aziendali e col quale può nascere un dialogo costruttivo.

Questo format è usato ampiamente da Luca Mazzuccheli. Psicologo e content creator del quale abbiamo già parlato nell’articolo su perché è importante avere una pagina Facebook per le aziende. Luca amplia il raggio delle sue argomentazioni attraverso dialoghi con suoi colleghi di settore, che ripropone sul suo canale Youtube.

Video intervista di Luca Mazzucchelli
Esempio di Intervista dal canale di Luca Mazzucchelli

Vlog

Un vlog è un “video blog” in stile diario e viene generalmente filmato dalla persona che ne è protagonista. Un tipico vlog descrive l’esperienza personale di qualcuno o le riflessioni su un argomento specifico.

Attualmente gli influencer continuano a sfruttare il vlogging più dei brand. Cambia la tendenza! Puoi porti avanti ai tuoi competitor: serviti di questa modalità video e trai vantaggio da questo genere popolare.

Per darti un’idea, potresti chiedere a uno dei tuoi dipendenti di fare un takeover di un giorno del vostro account YouTube. Mostrando alla vostra audience l’ufficio, portandola a un evento del settore, intervistando altri membri del team e così via.

Un perfetto esempio che voglio citare in quanto video aziendale, è quello di Primadonna. Il brand di lingerie ha avuto un’ottima intuizione per sensibilizzare i dipendenti uomini alle difficoltà di un decoltè di coppa E. Inoltre, con questa iniziativa hanno intenerito e divertito molte donne che certamente avranno apprezzato l’originale idea.

Pianificazione ed implementazione del Video Marketing

Una volta che sai che tipologia di video meglio si adatta ai tuoi obiettivi, si passa alla pianificazione vera e propria. Non si tratta solo di schedulare i contenuti nel calendario, ma anche nel definire elementi stilistici e narrativi.

Per fare del buon Video Marketing dobbiamo combinare target, contenuto ed esigenze della piattaforma su cui verrà distribuito. Anche se parliamo di video, non dimenticare l’ottimizzazione lato SEO. Se hai deciso di inserire i video all’interno del tuo sito web, è buona pratica segnalarli attraverso una sitemap, dandogli in pasto titolo, descrizione, URL e thumbnail.

Il futuro del Video Marketing: alcuni dati

Secondo autorevoli ricerche sul traffico web, nei prossimi anni ci sarà un aumento dei video on line. Al momento, si stima che vengono caricate circa 400 ore di video al minuto, davvero impressionante!

Con dei numeri del genere, non possiamo che aspettarci un domani sempre più nel segno del video. Il budget pubblicitario per il Video Marketing è destinato a salire a dismisura, come testimonia una ricerca recente condotta a livello mondiale. Ecco le previsioni:

Crescita del video marketing online

Tali ricerche prefigurano inoltre la diffusione di figure professionali legate al Video Marketing, anche nei contesti aziendali italiani che nella promozione audiovisiva stanno investendo sempre di più.

Ciak, si gira!

Abbiamo parlato di come incuriosire tramite dei behind-the-scenes, attrarre con contenuti live, informare con degli how-to, trasmettere informazioni di valore con le video interviste, o sfruttare la narrazione dei vlog. Tutti spunti e idee efficaci che con le giuste strategie non potranno che portarti al successo sul web!

Se vuoi approfondire il video marketing per adattarlo alla tua idea di business, oppure hai un tuo progetto nel cas, non esitare! Richiedi un preventivo per la tua consulenza personalizzata 🙂

Condividi
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbe Interessarti

Marco Zucca
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Contatta un consulente ora

Vuoi saperne di più? Hai bisogno di aiuto per il tuo business?
I nostri esperti sono a tua disposizione.

SCRIVI UN GUEST POST

Sei un blogger e sei interessato a scrivere articoli per il Blog di Neting?