Creare una campagna Facebook Ads efficace in pochi passi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Come creare Campagne Fb Ads Efficaci

“Per vendere su Fb non è sufficiente avere una pagina Fb”.


Ebbene sì, è difficile accettarlo ma la piattaforma di Facebook è proprio come una macchina: averla e tenerla in garage con il serbatoio vuoto, non vi farà fare km. Allo stesso modo, potreste anche avere la pagina Fb professionale migliore del mondo ma…senza benzina non andrete da nessuna parte!

Vi chiedete da tempo come dare maggiore visibilità ai vostri prodotti/servizi tramite la piattaforma Fb? Gli annunci sponsorizzati sono la risposta ed ora vi aiuteremo ad entrare nel grande mondo delle Facebook Ads. 😉

Vediamo quali sono gli ingredienti per creare una campagna Facebook Ads (davvero) efficace.

Il Business Manager, questo sconosciuto

Che cos’è il Business Manager di Facebook? 😱 Bé se non ne avete mai sentito parlare, allora chiariamoci le idee insieme. 😉

Pagina iniziale per impostare il Business Manager di Facebook Ads


Il Business Manager (o BM) non è altro che il gestionale di Facebook, un grande raccoglitore nel quale si possono trovare varie entità (pagina, pixel, account pubblicitari, metodi di pagamento, pubblici, ecc).

Nonostante il suo uso non sia a primo impatto semplice, il BM è uno strumento che dovrebbe utilizzare chiunque voglia sfruttare Facebook a fini di business. Inoltre, nel caso affidaste la gestione del vostro account a terzi, avreste modo con il BM di tutelare lo storico che rimarrebbe di vostra proprietà.

Cosa che non accadrebbe appoggiandosi direttamente al BM del consulente. In poche parole: diffidate dei cugini” che promettono risultati a basso costo ma non vi chiedono di connettersi come partner al vostro Business Manager. 🤦‍♀

Usate il Pixel per tracciare utenti ed eventi

Prima di iniziare a creare la vostra campagna è importante capire come tracciare le azioni che gli utenti (e potenziali clienti) fanno sul vostro sito. Il Pixel di Facebok nasce proprio per questo scopo.

Il pixel è una porzione di codice, uno script, che va inserito nella parte <HEAD> di tutte le pagine del vostro sito e che traccia il passaggio degli utenti e il loro comportamento sul vostro sito web.

Facebook riconosce quindi, tramite il Pixel, quanti utenti hanno visitato il vostro sito e quali azioni hanno svolto. Ad esempio, possiamo sapere quanti hanno:

  • visualizzato landing page
  • effettuato acquisti
  • compilato moduli
  • cliccato su contenuti
Pagina iniziale per creare un Pixel Facebook

Facciamo una premessa. Per lanciare una campagna su Facebook e promuovere un annuncio non è obbligatorio installare il pixel. Questo diventa necessario solo per le campagne con obiettivo conversione.

Tuttava, come Facebook stesso sottolinea, la sua implementazione è fortemente consigliata per ottimizzare i risultati delle campagne pubblicitarie (es. aumentare le vendite), nonché avere report più precisi e soprattutto conoscere il proprio pubblico.

Definite gli obiettivi delle vostre Facebook Ads

Quando iniziamo a creare una nuova campagna, la prima cosa che Facebook ci chiede è: qual è il tuo obiettivo? Può sembrare una domanda scontata ma non lo è. Infatti il successo di una strategia di marketing dipende, in larga misura, dalla scelta degli obiettivi. Devono essere chiari, realistici e misurabili.

Pagina iniziale di creazione di una campagna Facebook: definire gli obiettivi

Vediamo insieme quali sono i principali obiettivi su Facebook e come sceglierli:

  • Copertura: serve a mostrare l’annuncio al massimo numero di persone ed è particolarmente utile se si deve lavorare con audience ridotte e si desidera che tutti visualizzino l’inserzione;
  • Traffico: serve a indirizzare gli utenti fuori o all’interno di Facebook, solitamente su un sito web, ed è utile quando si vuole promuovere un contenuto oppure portare potenziali clienti ad una landing page;
  • Interazione: serve a creare interazioni con il vostro post o con la vostra pagina (commenti, condivisioni, like, ecc) ed è utile quando avete un post con un engagement già soddisfacente e volete promuoverlo maggiormente oppure farlo vedere ad un nuovo pubblico (pubblico freddo);
  • Conversioni: serve a portare un utente sul vostro sito per fargli compiere una determinata azione ed è utile quando volete ottenere ad esempio la compilazione di un form, l’acquisto di un prodotto, l’iscrizione ad un evento, ecc

La scelta del Target: chi vedrà le inserzioni?

Una volta che avrete chiaro il vostro obiettivo, potrete definire anche il pubblico da raggiungere. Nel caso degli annunci Facebook gli utenti possono essere selezionati per:

  • luoghi
  • età
  • genere
  • lingue
  • interessi.

É bene importante distinguere tra pubblici freddi (persone che non hanno ancora interagito con il vostro brand) e pubblici caldi (persone che hanno già interagito e/o già compiuto azioni sul vostro sito web).

Se lo scopo è far conoscere il vostro brand, per esempio, non ha senso farlo su un pubblico caldo; mentre se volete convincere un utente ad acquistare un prodotto di alto costo, difficilmente riuscirete a farlo su un pubblico freddo.


Quando il pubblico è freddo, è necessario interagire con gli utenti per step, partendo da una prima fase di brand awareness e arrivando solo in fine alla conversione. In questo percorso è importante non dimenticare che anche i post organici giocano un ruolo importante per la fiducia che un utente andrà a riporre nel brand.

Definisci la Creatività: cosa far vedere ai potenziali clienti?

Finora abbiamo parlato del come e del chi, ma esattamente cosa volete far vedere ai vostri potenziali clienti?

La creatività che andrete a scegliere per il vostro annuncio deve essere innanzitutto coerente con l’obiettivo prefissato ma anche – e soprattutto – con il vostro pubblico.

Se volete parlare a qualcuno che non conosce il vostro brand, dovrete prima presentarvi, far capire chi siete e in che modo potete rispondere ai suoi desideri.

Ad esempio, se mi riferisco ad un pubblico di donne under 25 sceglierò immagini o copy (testo dell’annuncio) differenti rispetto a quelle che userei per un pubblico di uomini over 50. Capite cosa voglio dire?


Prima di pubblicare la vostra inserzione, controllate che l’immagine o il video risaltino nella sezione notizie e che il linguaggio che utilizzate sia adeguato al pubblico scelto.

Esempio di annuncio Facebook Instagram di Udemy

Ecco l’esempio di un annuncio ben riuscito.


Avendo già visitato il sito di Udemy, facciamo parte di un pubblico caldo. All’interno di un funnel di conversione, ci troviamo nello step successivo alla brand awareness. Non a caso, la Call To Action proposta è incentrata sulla conversione (ricevi l’offerta).

L’immagine è semplice, ma studiata per catturare la nostra attenzione scrollando il feed di Instagram. Insomma obiettivo, pubblico e creatività sono perfettamente coerenti. 👏


Volete altre idee? Facebook stesso vi aiuta a trovare ispirazione qui 💡

L’importanza del naming: come la/lo chiamiamo?

Il libro completo dei nomi


No, non vi stiamo chiedendo di aprire il libro dei nomi per scegliere quello che suona meglio con il vostro cognome (anche se ammettiamo sarebbe divertente) 😂.


Quando si parla di “nominare” in ambito Facebook Advertising, si tratta di dare un’identità alla propria campagna, al proprio gruppo inserzioni o alla propria inserzione. Chiamarla “campagna 1” oppure “campagna aprile” può sembrarvi la scelta più facile ma non vi semplificherà il lavoro.

Spiegando meglio: se farete 3 campagne di traffico nell’anno 2020 nominandole per numero (campagna 1, campagna 2 e campagna 3) sarete poi obbligati ad aprire ogni campagna ogni volta che ne analizzerete i risultati, solo per capire di quale inserzione o creatività si tratti. Stessa cosa vale per il nome del gruppo inserzioni o dell’inserzione.


Se ora avete le idee confuse, tranquilli. In Neting siamo abituati a trovare sempre una soluzione per ogni problematica. 😎💪


Ecco infatti un esempio pratico:


Nome campagna: Conversioni_Acquisto (identifica l’obiettivo)
Nome gruppo inserzioni: PubblicoFreddo_18-35 (identifica il tipo di pubblico)
Nome inserzione: Video_15sec (identifica il tipo di creatività)


Nel caso abbiate più campagne attive allo stesso tempo perché avete ideato una strategia di funnel marketing, questo passaggio vi sarà fondamentale per distinguere velocemente le campagne che riguardano una fase o l’altra.

Quanto costa una campagna Facebook Ads?

Persone con grandi punti di domanda


La classica domanda che ogni social media manager e advertiser si sente porre è proprio questa: “quanto mi costerà fare inserzioni su Fb?


La buona notizia è che la scelta è completamente vostra! 😁


Ricordatevi però che si tratta comunque di un investimento e non di una spesa, perché ha un ritorno misurabile. Di conseguenza, come spesso accade, maggiore è l’investimento, migliori saranno i risultati ottenuti.


Per farvi un esempio concreto e molto semplice: se il costo medio per portare un utente a comprare sul vostro sito fosse di 5€, investendo 10 € avreste al massimo 2 potenziali acquisti. Se il vostro investimento fosse invece di 20 € gli acquisti potrebbero essere 4.

Il budget quindi deve essere commisurato all’obiettivo e al target che abbiamo scelto in precedenza.

Purtroppo il funzionamento di Facebook non è così matematico (magari 😅) ed è per questo che infatti ogni campagna dopo essere stata pianificata e dopo il suo “periodo di prova” (in gergo: periodo di apprendimento) ha necessità di essere analizzata ed ottimizzata.

Controllo, revisione e ottimizzazione

Tornaimo all’esempio iniziale, considera una campagna pubblicitaria come fosse un’auto. Tutti sappiamo che il nostro mezzo ha necessità di essere revisionato ed ogni tanto leggermente modificato (vedi cambio gomme invernale).

Con questo cosa vogliamo farvi capire? Semplice, anche la vostra campagna non può essere creata e poi abbandonata a sé stessa. Certo se è creata con molta attenzione e se il funnel è efficace, è possibile ottenere buoni risultati per un determinato periodo di tempo ma…perché accontentarsi di buoni risultati quando questi possono essere ottimi? 🤷‍♀

Ora, le informazioni ed il materiale su cui lavorare sono tanti ma se volete approfondire la conoscenza delle inserzioni Facebook e/o avete bisogno di una consulenza strategica, noi siamo a vostra piena disposizione. Vi sarà sufficiente compilare il modulo che trovate qui e verrete ricontattati quanto prima. 🙂

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Debora Pellegrini
Anima solare, Mente Creativa, Spesso definita fuori dagli schemi. Social Media Manager e Strategist specializzata in SMO (Social Media Optimization). Appassionata di danza, makeup e shopping. Amo viaggiare…sia fisicamente che con la mente ;)
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Vuoi migliorare la tua strategia di web marketing?

contatta uN CONSULENTE marketing di neting