Fondo impresa donna, finanziamenti a fondo perduto per marketing e soluzioni digitali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Fondo impresa donna 2022: come funziona

A partire da maggio sarà possibile fare domanda per accedere ai finanziamenti previsti dal Fondo Impresa Femminile, anche noto come Fondo impresa donna.Il fondo mette a disposizione diverse fasce di finanziamento a fondo perduto, in base alla grandezza del progetto, per le realtà imprenditoriali a carattere femminile. Oltre ai 40 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2021, il Fondo Impresa Donna dispone di ulteriori 160 milioni di euro provenienti dal PNRR.

Cosa prevede il bando del Fondo impresa donna

Si tratta di un sostegno finanziario introdotto dal Ministero dello sviluppo economico al fine di incentivare le donne ad avviare e rafforzare attività imprenditoriali al femminile.  

La misura dispone di una dotazione finanziaria complessiva di circa 200 milioni di euro, di cui 160 milioni di euro di risorse PNRR e 40 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2021.Nella sua prima fase il Fondo prevede l’apertura di sportelli online e l’attivazione di azioni di formazione, accompagnamento e valorizzazione della cultura imprenditoriale femminile.

A chi si rivolge il Fondo impresa donna

Il Fondo impresa donna si rivolge a tutte le imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome che abbiano sede legale e/o operativa situata in Italia.

Non solo, possono presentare domanda di finanziamento anche le persone fisiche, purché si impegnino a costituire una nuova impresa dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

In particolare, le tipologie di imprese femminili che possono richiedere i fondi previsti dal bando sono:

  • cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne socie;
  • società di capitale con quote e componenti degli organi di amministrazione per almeno i due terzi di donne;
  • imprese individuali con titolare donna;
  • lavoratrici autonome con partita IVA.

Quali sono le spese ammissibili 

Tra le spese ammissibili previste dal Bando del Fondo Impresa Donna, figurano le spese 

per acquisizione di programmi informatici e soluzioni tecnologiche, commisurate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa femminile.

Tra queste spese sono incluse quelle relative alla progettazione e sviluppo di software applicativi, piattaforme digitali, applicazioni, soluzioni digitali per i prodotti e servizi offerti, ovvero per i relativi processi di produzione e erogazione nonché alla progettazione e sviluppo di portali web, anche a solo scopo promozionale;

Inoltre, il Fondo Impresa Donna prevede agevolazioni utilizzabili per spese ammissibili relative a:

  • impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica;
  • immobilizzazioni immateriali;
  • servizi cloud per la gestione aziendale;
  • personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda e impiegato dell’iniziativa agevolata.

I finanziamenti previsti dal Fondo impresa donna

In base alla tipologia di impresa, il bando prevede finanziamenti:

  • Per libere professioniste e per le imprese costituite da meno di 12 mesi si possono presentare progetti di investimento fino a 250 mila euro con contributo a fondo perduto in base alla dimensione del progetto.
  • Per le imprese attive da più di 12 mesi possono essere presentati progetti di investimento fino a 400 mila euro per lo sviluppo di nuove attività o per ampliare quelle esistenti. 

Finanziamenti per attività di marketing e comunicazione

Il Fondo impresa donna, oltre ai già citati finanziamenti prevede la possibilità di richiedere il servizio di assistenza tecnico-gestionale comprendente:

  • un tutoraggio per accompagnare le imprese nell’utilizzo delle agevolazioni, supportarle nel predisporre le richieste di erogazione del finanziamento o altra documentazione di progetto, e trasferire competenze specialistiche, mediante incontri on line o in presenza che verranno pianificati insieme al tutor.
  • un voucher di 2 mila euro da utilizzare a copertura del 50% del costo sostenuto dalle imprese per l’acquisto di servizi di marketing o comunicazione strategica del valore minimo di 4 mila euro.

Quando presentare domanda

È possibile presentare domanda al Fondo impresa donna dal mese di maggio, in particolare:

  • Per l’avvio di nuove imprese femminili o costituite da meno di 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 5 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 19 maggio 2022.
  • Per lo sviluppo di imprese femminili costituite oltre 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 24 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 7 giugno 2022.

Conclusioni

I finanziamenti e le possibilità offerti dal Fondo impresa femminile offrono un’importante  possibilità per sostenere lo sviluppo o avviare la tua azienda.

Gli sportelli per la presentazione delle domande saranno gestiti da Invitalia per conto del Ministero dello sviluppo economico.

Per qualsiasi necessità di consulenza legata al marketing e allo sviluppo di soluzioni tecnologiche noi di Neting siamo a tua disposizione.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ecco la tua checklist

Ci sei quasi, ti stiamo inviando la tua checklist editabile. Compila il form qui sotto. Grazie!

Checklist Sito Web Popup