Google May 2020 Core Update: scopri se il tuo sito è stato penalizzato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Google May Core Update 2020

Ogni volta che Big G. annuncia un nuovo update, un SEO specialist inizia a tremare: cosa ne sarà dei siti che abbiamo in gestione? Cosa dovrò fare per porre rimedio a eventuali flessioni di visibilità?

La risposta non è mai certa, e se vogliamo questo è anche il bello di occuparsi di posizionamento sui motori di ricerca. Tutto è in continuo cambiamento, nessuno può dirsi davvero immune agli update e le notizie in merito a nuovi aggiornamenti sono spesso molto diverse tra loro. 

In questo articolo cercheremo di capire un po’ meglio come il 2020 May Core Update di Google ha influenzato le SERP e cosa è bene verificare sui nostri siti web.

Cosa è un Google Core Update

Era il 4 Maggio 2020 quando su Twitter appariva la notizia del nuovo Core Update di Google, con la precisazione della necessità di una o due settimane per il roll out completo:

Annuncio May Core Update 2020 Twitter

La notizia del completamento del rollout è arrivata il 18 maggio, anche se già dal 4 si erano viste interessanti fluttuazioni in SERP.

Annuncio rollout completo Google May 2020 Core Update

Ma cosa è un Google Core Update? Si tratta di un aggiornamento alla base dell’algoritmo di ricerca principale, i cui effetti possono andare spesso a rimescolare le carte in tavola per i siti web. 

Tali aggiornamenti non agiscono direttamente su un fattore in particolare, come avveniva per esempio per Panda coi contenuti o per Penguin per fronteggiare i link spam, ma riconsiderano i parametri che Google esamina per determinare il ranking dei siti web, conferendo un maggiore o minore peso a vari fattori spesso non ben identificati.

Il risultato? Una bella scossa alle pagine dei risultati di ricerca (SERP), dove si possono vedere salire pagine web che prima non c’erano e vedere sparire (o scendere) altre, a volte anche molto autorevoli.

Va specificato che gli aggiornamenti di Google sono comunque costanti e numerosi durante tutto l’anno, dunque non dobbiamo pensare al motore di ricerca come a un’entità statica che ogni tanto viene scossa da update, ma piuttosto come a un organismo in costante divenire che man mano diventa sempre più completo e intelligente.

I settori interessati dall’update

Come per tutti gli update di Google, e in particolare i core update, ci sono stati dei winners e dei losers, ovvero siti web che grazie all’aggiornamento hanno acquisito posizioni più alte e altri siti web che, al contrario, hanno registrato un ranking (e dunque un traffico) piuttosto ribassato.

Google May Core Update 2020: Losers & Winners

Da uno studio sulla volatilità della SERP condotto da Search Engine Land sulla base dei dati del tool Sensor di SemRush, emerge che i settori più colpiti dall’update sono stati quelli relativi ai seguenti ambiti:

  • Turismo
  • Immobiliare
  • Salute e benessere
  • Animali domestici e non
  • Persone e società (compreso settore finanziario)
  • Intrattenimento (eventi pubblici)

Notate qualcosa di particolare in questa lista? Già, sono tutti settori che hanno accusato non solo il colpo dell’update, ma anche e soprattutto del covid-19. 

Si tratta infatti di settori particolarmente delicati, come nel caso di salute e benessere, o che implicano spostamenti ed eventi pubblici. Che sia davvero l’effetto dell’update ad aver fatto perdere loro posizioni? Oppure i cali evidenziati erano dovuti solo a un adattamento naturale delle SERP in base alle statistiche sui settori più interessanti per gli utenti? Probabilmente non lo sapremo mai, ma è giusto prendere atto di tali forti oscillazioni.

Al contrario, i portali e siti web che sono stati premiati dall’update di Maggio sono i seguenti (in ordine dal più al meno premiato):

  • News
  • Sports
  • Arte e intrattenimento
  • Casa e giardinaggio
  • Business
  • Shopping
  • Games

Trovate strano che il settore più avvantaggiato dall’update sia quello delle news? Molto probabilmente no, soprattutto alla luce del Tweet di Google SearchLiaison…

Tweet Aumento Ricerche News

Ma non sono solo portali e siti web dei suddetti settori ad aver tratto vantaggio dall’update Google di Maggio 2020: altri winners molto interessanti sono infatti i Social Network, tra i quali spiccano in particolar modo Pinterest, che domina ormai diverse SERP, e Etsy, in particolar modo su Google.com, per le query che contengono il termine “handmade” (per ulteriori informazioni in merito, si veda l’approfondimento sul blog del Search Engine Journal).

Il 2020 May Core Update è correlato al Covid-19

Molto probabilmente l’update di Google di Maggio 2020 non è arrivato in questo periodo per puro caso. Sappiamo tutti quanto questo momento storico sia particolare a causa della pandemia mondiale di Covid-19.

I risultati della pandemia e della conseguente quarantena si sono riversati anche sulle modalità di ricerca degli utenti su Google, pertanto il comportamento e gli intenti di ricerca degli utenti sono sicuramente cambiati, così come le aspettative e le necessità che vi erano alla base della ricerca stessa.

Personalmente non pensiamo che ci possa essere una correlazione tra May Core Udate 2020 ed il Corona Virus alias COVID19

Ecco cosa puoi fare se sei stato colpito dal Google 2020 May Core Update

Di fronte a un qualsiasi update di Google la prima domanda di ogni professionista SEO è: e adesso cosa faccio? 

Prima di tutto, controlla l’andamento dei siti facenti parte della tua nicchia e fai uno schema delle caratteristiche in comune tra coloro che sono stati premiati e coloro cui l’Update ha tolto posizioni: un’analisi di questo tipo potrà darti spunti molto interessanti sulle eventuali migliorie da apportare al tuo sito.

Tieni sotto controllo gli aspetti della SEO tecnica onsite: non ci sono (per ora) prove che l’update sia focalizzato su tali fattori, ma quale miglior momento per dare una sistematina a tutti quegli aspetti che per Google sono e saranno sempre molto importanti? Ripulisci i 404, cura il markup, stai attento alle performance… insomma, fai una bella audit SEO del tuo sito, aiutandoti anche con le utilissime Estensioni SEO che abbiamo proposto in un recente articolo 😉

Fatti qualche domanda sulla qualità dei tuoi contenuti. Frase trita e ritrita? Forse… ma pare proprio che il cosiddetto Paradigma Google EAT abbia un peso molto rilevante per questo Update, soprattutto in siti web a tema medico o YMYL dove le fonti citate e la Competenza trasmessa assumono un significato considerevole.

Hai articoli o contenuti ormai datati che non aggiorni da un po’? E’ il momento giusto per pianificare una revisione degli stessi, aggiungendo informazioni importanti che possano accrescere l’attendibilità del contenuto.

Rifletti anche sulla qualità dell’esperienza di navigazione che offri ai tuoi utenti: è facile per loro trovare quello che cercano? Come saprai, sulla Search Console di Google è da poco disponibile il rapporto sui Web Vitals, che riguardano proprio la user experience: un caso? Magari sì, ma nel dubbio una controllatina sarebbe bene darla… 😉

Conclusioni

Come tutti i core update di Google, anche il Google 2020 May Core Update ha fatto sussultare diversi SEO. Gli esiti dell’aggiornamento non sono ancora del tutto chiari, ma i crolli per alcuni siti ci sono effettivamente stati.

Occorre quindi guardare il proprio sito con occhi nuovi, cercando di trovare punti di miglioramento e pianificare azioni risolutive, prestando particolare attenzione alla qualità dei contenuti che offriamo.

E il tuo sito è stato colpito dal core update di Maggio 2020? Hai già un’idea degli aspetti critici del tuo sito?

Affidati ai consulenti SEO di Neting per una consulenza approfondita sulla salute e l’andamento del tuo sito web!

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luca Mainieri

Molto interessante, grazie Francesca

Potrebbe Interessarti

Francesca De Lucia
Laureata in Comunicazione, ha deciso immediatamente che la sua strada sarebbe stata nel Web Marketing. Ama i gatti, John Lennon, Freddie Mercury e sua nipote, ma anche un po’ suo marito.
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Vuoi migliorare il posizionamento SEO e la visibilità del tuo sito su Google?

contatta uN ESPERTO seo di NETING