Sviluppo di App Mobile Aziendali. Linee guida per la definizione di un progetto Enterprise

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le app sembrano nate ieri eppure sono diventate una parte enorme della nostra vita di tutti i giorni. Addirittura ci sono applicazioni che usiamo regolarmente e non potremmo e sapremmo più farne a meno. Ad esempio, la macchina fotografica del nostro smartphone, la banca online, Whatsapp, la posta elettronica, Spotify… e oggi persino per il Green pass e per accedere ad un luogo pubblico. 

I numeri sono incredibili: oggi tre quarti del traffico internet è generato da dispositivi mobili e la maggior parte del traffico web, sia per l’acquisto di servizi e prodotti, che per le attività di utilità (ricerca, informativa, etc.) proviene da mobile.

Un ecosistema in forte evoluzione.

Nell’ultimo decennio abbiamo assistito a progressi tecnologici incredibili:

  • le caratteristiche dei dispositivi sono migliorate incredibilmente;
  • i marketplace sono cresciuti, offrono più prodotti ma anche più funzionalità;
  • i sistemi di pagamento online sono migliorati dal punto di vista della sicurezza e dell’affidabilità;
  • fiducia degli utenti nei confronti delle piattaforme online è aumentata;
  • le reti internet sono più veloci ed affidabili;
  • le tecnologie di sviluppo, gli SDK ma anche le API e le tecnologie di integrazione si sono evolute, rendendo più facile l’integrazione di microservizi esterni;
  • i servizi Saas sono entrati nelle nostre case in mille modi diversi, abituandoci a comprare servizi e non più prodotti (parliamo ad esempio di Netflix, Spotify, giornali online, etc.)

I crescenti investimenti e i progressi nella tecnologia mobile ne fanno la piattaforma preferita per l’accesso e la condivisione delle informazioni sui dati.

Una piattaforma per le nuove generazioni

I millennial e la generazione Z riconoscono il mobile come l’unica piattaforma praticabile. Entro il 2035, questi gruppi costituiranno la maggior parte della nostra forza lavoro e dei nostri consumatori. 

Questo porta il mobile al centro della strategia digitale per tutte le imprese.

I manager attenti alle evoluzioni del mercato, dei gusti e dei consumatori riconoscono questo cambiamento e sono consapevoli che dovranno investire in soluzioni tecnologiche che soddisfino le esigenze dei futuri consumatori e della forza lavoro.

Il mobile è il driver dell’innovazione

Il successo di una moderna azienda dipende sempre più dalla capacità di integrare i processi e gli strumenti digitali nei propri processi, dal design alla produzione, dalla vendita alla customer care. 

La crescente domanda di mobilità sta già guidando l’innovazione.

Esempio di applicazione enterprise sviluppata da Neting

Oggi oltre il 77% degli imprenditori sta prendendo in considerazione un approccio mobile-first per la propria strategia di trasformazione digitale, tuttavia, poche aziende sono pronte a creare e implementare la propria strategia o hanno le competenze e le risorse per abbracciare questo approccio.

Lo sviluppo di una strategia di mobilità aziendale di successo non è più la strategia di imprenditori visionari. Una strategia in ambito mobile è un must per qualsiasi azienda che cerchi di rimanere competitiva.

Applicazioni mobile in ambito enterprise

In questo articolo vogliamo concentrarci sulle applicazioni mobile in ambito B2B e in ambito enterprise. 

Con questo intendiamo quell’universo di app mobile che supportano la comunicazione e i processi in ambito aziendale, ma anche il touch point tra l’azienda ed il consumatore.

Le soluzioni mobile in ambito aziendale possono:

  • Supportare i processi di comunicazione in azienda e l’accesso alle informazioni;
  • Supportare le attività di lavoro a distanza;
  • Monitorare i risultati, la qualità, i processi;
  • Supportare la formazione e le attività di acquisizione di nuove competenze;
  • Fornire ai clienti la possibilità di interagire meglio e con maggiore efficacia verso l’azienda;
  • Creare nuove customer experience personali e intelligenti;
  • Semplificare i processi interni;
  • Migliorare la customer experience;
  • Fornire experience con il Brand in contesti multicanali;
  • Fornire nuove fonti di entroiti;
  • … e molto altro!
Fonte: https://www.maximizemarketresearch.com/market-report/global-enterprise-mobility-platform-market/74047/

Si stima che il mercato globale delle applicazioni in ambito enterprise crescerà da 86,36 miliardi di dollari nel 2014 a 510,39 miliardi di dollari entro il 2022.

Esempio di applicazione enterprise sviluppata da Neting 

Vantaggi del mobile in ambito aziendale

I vantaggi di raggiungere i consumatori / clienti attraverso strumenti mobile possono essere di semplice individuazione, ma quali sono i vantaggi di adottare delle app aziendali?

In termini molto sintetici, una strategia di questo tipo fa parte di un processo di trasformazione digitale dell’azienda, che deve toccare in modo sinergico tutti i punti dei processi.

In generale tra i vantaggi di questa strategia, ce ne sono alcuni facilmente individuabili:

  • migliorare la produttività
  • ridurre i costi operativi
  • migliorare la collaborazione 
  • migliorare l’accesso e l’analisi dei dati

Tuttavia questa visione è parziale, perchè se consideriamo che l’azienda è in costante scambio con il mercato e con i propri clienti / consumatori, l’adozione può innescare ulteriori vantaggi:

  • migliorare la customer care
  • migliorare il controllo di qualità
  • ridurre i tempi di sviluppo di nuovi prodotti
  • individuare necessità ed opportunità
  • monitorare la soddisfazione dei clienti

Sei passaggi per creare qualsiasi strategia di mobilità aziendale di successo

Individua le principali esigenze in azienda

L’adozione di strumenti mobile in ambito aziendale non sostituisce la definizione di una strategia digitale complessiva. Le app mobili non risolveranno tutti i tuoi problemi aziendali o non miglioreranno magicamente il tuo fatturato. 

Le soluzioni mobile sono parte dei tuoi obiettivi digitali complessivi. Ecco perché l’identificazione delle esigenze aziendali è fondamentale per il successo della strategia mobile aziendale.

Per iniziare quindi a pensare alle opportunità offerte dal mobile, cominciamo con il chiederci:

  • Quali sono le tendenze nel vostro settore ?
  • Quali sono i prodotti e i servizi principali della tua attività?
  • Dove vedi la tua attività nei prossimi 3, 5 e 10 anni?
  • Dove sono i colli di bottiglia nella tua attività?
  • Quali sono i processi che potrebbero migliorare e come il tuo business (e i tuoi clienti) ne trarrebbero vantaggio?
  • Conosci tutte le esigenze dei tuoi clienti e le stai soddisfacendo?
  • Utilizzi i dati in modo costruttivo per migliorare i processi interni?

Spesso i tuoi dipendenti e i tuoi clienti possono sperimentare lo stesso “divario” da prospettive diverse. Ad esempio, la gestione della customer care può essere molto frustrante sia per i clienti che per i dipendenti. Questo è un tipico punto critico che tocca sia i processi aziendali interni che la percezione della qualità del servizio, visto dal punto di vista dei clienti. Migliorare la gestione dei ticket assistenza, aiutando i dipendenti a lavorarli meglio, con maggiore efficacia e supporto da parte di tutta l’azienda, potrebbe rendere un ottimo servizio ai tuoi collaboratori e ai tuoi… clienti!

Esempio di applicazione enterprise sviluppata da Neting

Conosci ed analizza la tua concorrenza

Ora che hai identificato i tuoi obiettivi, cerca di scoprire se e come i tuoi principali concorrenti affrontano lo stesso problema. 

Seleziona un minimo di tre concorrenti da analizzare. Scegli i concorrenti in base ai tuoi obiettivi di business e alle tendenze del settore. Quando si selezionano i concorrenti, non selezionare solo aziende top, ma ti suggeriamo anche di individuare delle startup innovative. Spesso l’approccio ad un problema latente viene affrontato con freschezza ed innovazione dagli ultimi…arrivati.

Una volta fatta questa analisi, poniti alcune domande:

  • Quali app e soluzioni mobile hanno sviluppato i tuoi concorrenti? 
  • Hai ben compreso le necessità che i tuoi competitor hanno cercato di risolvere con questa applicazione? 
  • Le necessità che hanno i tuoi competitor sono le stesse che hai tu?
  • Ritieni che la soluzione individuate dai tuoi competitor porterebbero un vantaggio anche alla tua azienda? 
  • Che vantaggio avrebbe la tua azienda dall’adozione di una soluzione di questo tipo?

In alcuni casi, nessuno dei tuoi concorrenti potrebbe avere un’app. Ciò significa solo che hai un’enorme opportunità di essere un leader del settore!

Definisci obiettivi strategici e KPI

I primi due passaggi della nostra guida strategica ti aiutano a identificare le tue esigenze. Ora occorre cercare di definire degli obiettivi qualitativi e quantitativi.

Esempio di applicazione enterprise sviluppata da Neting

Con obiettivi qualitativi, intendiamo quelli che si rapportano alla qualità del lavoro e dei rapporti in azienda. Questi sono i più difficili da definire e da misurare. Tuttavia survey interni e sondaggi possono aiutare a dare una misurabilità a questi parametri.

  • Quali sono gli obiettivi della mia applicazione? Sono misurabili?
  • Con quali metodologie?
  • Su quali tipi di utenti impattano?
  • Posso definire degli obiettivi SMART?

Attenzione, gli obiettivi devono essere SMART nel senso

  • Specific – Specifico
  • Measurable – Misurabile
  • Achievable – Realizzabile
  • Relevant – Rilevante
  • Time Bound – Scadenzato

Pensa prima alle criticità per poi perseguire le opportunità

Spesso quando si esplorano le opportunità di sviluppo, è naturale concentrarci sulle opportunità offerte dal nuovo business.

Capita sovente che veniamo contattati per lo sviluppo di un’app per un nuovo business di una azienda o per aprire una nuova opportunità di vendita. Come se tutto il pregresso fosse naturalmente acquisito, intoccabile e naturalmente ottimizzato per il digital. 

E’ difficile concentrarci sulle criticità: questo ci costringe a vedere quello che non funziona.

Tuttavia se pensiamo ad un’app in un contesto aziendale (e quindi rivolta all’interno dell’azienda, ai suoi processi e ai suoi stakeholders), è opportuno porsi le seguenti domande:

  • cosa possiamo fare per migliorare i processi aziendali?
  • possiamo risolvere le criticità, e se sì, con quali strumenti?
  • quali problemi ci impediscono di lavorare meglio?
  • La mobilità è il canale giusto per risolvere questi problemi?

Certamente perseguire le opportunità ci permette di sognare nuovi risultati commerciali, tuttavia non ci fa focalizzare sui processi. Aumentare il fatturato senza pensare ai processi ed alla governance di questi serve solo a rimandare i problemi. Anzi, di solito con l’aumento del fatturato aumentano anche i problemi, se non vengono risolti a monte.

Definisci i dispositivi target adeguatamente

Sviluppare un’app mobile non è la stessa cosa che sviluppare un’applicazione web: ti potrebbe stupire sapere che un’app mobile non è un sito web su uno schermo più piccolo.

Realizzare un’applicazione mobile richiede di solito molto più lavoro della realizzazione di un sito web: le tecnologie coinvolte sono di solito molto più complesse e spesso l’integrazione di sistemi e servizi esterni di tipo diversi (ad esempio, notifiche push, dati dai gestionali, integrazioni con servizi di autenticazione, etc.) complicano gli sviluppi.

Inoltre, essendo le tecnologie in rapida evoluzione e molto dispersive, le competenze necessarie a sviluppare questi progetti sono rare e le professionalità difficili da trovare sul mercato.

A questo poi dobbiamo aggiungere quello che è sotto gli occhi di tutti: esistono due mondi paralleli che impongono anche logiche diverse: iOS di Apple e Android di Google

Queste piattaforme mobili richiedono lo sviluppo di app utilizzando il loro ambiente di sviluppo unico. Le funzioni di un’app mobile sono progettate su misura per ciascuna piattaforma mobile. Ciò fornisce agli utenti dell’app un’esperienza utente unica specifica per i loro dispositivi mobili.

Occhio a Apple: potresti ricadere nel programma Enterprise

Pubblicare un’app aziendale su Google Play non ha particolari difficoltà, ma un’app aziendale sull’App Store di Apple potrebbe presentare inaspettate difficoltà.

L’App Store di Apple infatti accetta solo applicazioni che presentano un interesse pubblico. Un’app aziendale, il cui target magari è formato da poche decine o qualche centinaia di utenti, potrebbe bloccare la pubblicazione. E con iOS non si scherza. Se non passi per lo store, il dispositivo iPhone / iPad non ti permette di installare applicazioni scaricate da altre fonti.

Il Programma aziendale Apple è pensato per la distribuzione di app proprietarie in casi d’uso specifici in ambito aziendale. Ma attenzione, per aderire al programma devi avere i seguenti requisiti:

  • Avere 100 o più dipendenti.
  • Essere una persona giuridica. Apple non accetta aziende fittizie, nomi commerciali o filiali.
  • Utilizzare il programma solo per creare app proprietarie interne per uso interno e per distribuire queste app in modo privato e sicuro ai dipendenti all’interno dell’organizzazione.
  • Disporre di sistemi per garantire che solo i dipendenti possano scaricare le app per uso interno e per proteggere le credenziali e le risorse di appartenenza.
  • Partecipare e superare il colloquio di verifica di Apple e il processo di valutazione continua.

Quale tipo di app sviluppare

Anche questo argomento può sembrare difficile da comprendere a chi conosce solo il mondo dello sviluppo web. Le applicazioni mobile possono essere sviluppate con tecnologie diverse, native o ibride.

App mobili native

Le app mobili native sono create appositamente nel linguaggio nativo delle rispettive piattaforme iOS o Android. Le app mobili native di solito offrono la migliore esperienza utente, tuttavia potrebbe non essere necessario scegliere questa linea di sviluppo: i costi sono molto più alti e spesso in un contesto aziendale le performance dell’interfaccia potrebbero non essere il collo di bottiglia. 

All’inizio se si opta per uno sviluppo nativo è sempre meglio scegliere una piattaforma di riferimento, tipo Android, e sviluppare in questo contesto. Successivamente, una volta validato lo sviluppo e testato si può pensare ad un porting su una seconda piattaforma.

Webapp mobili

Le webapp mobili sono in realtà dei siti web pensati per una esperienza ottimale da mobile. Le app web mobili sono reattive e possono sembrare un’app mobile. Le app web mobili funzioneranno su tutti i dispositivi iOS e Android. Ciò riduce l’investimento iniziale e la tempistica per la creazione di un’app Web mobile. Gli utenti possono persino aggiungere un’icona di avvio al proprio dispositivo mobile. Ciò rende l’accesso alle app Web mobili simile alle app native, ma molto più flessibili ed economiche da sviluppare. 

Occorre tuttavia considerare che le webapp hanno accesso limitato alle funzionalità hardware di un dispositivo mobile ed inoltre non possono funzionare senza connessione internet. 

PWA – progressive web app 

Le PWA, acronimo di Progressive Web App, sono delle applicazioni ibride che adottano una tecnologia intermedia tra una web app e una app nativa. Sono praticamente siti web o web app che si possono però  installare sullo smartphone in modo molto simile alle app native e come tali si comportano, beneficiando di molti vantaggi rispetto ad una classica web app (che altro non è che un sito web) o app nativa in termini di usabilità, aggiornamento in tempo reale, utilizzo offline e molto altro. Uno dei vantaggi delle PWA è, per esempio, la possibilità di funzionare anche offline.

App ibride/App multipiattaforma

Le app ibride utilizzano tecnologie web come Javascript e HTML5 e si appoggiano a usano framework per dispositivi mobili di terze parti come Xamarin, Ionic, Flutter e React Native. Queste app hanno una base di codice comune e possono essere eseguite su tutte le piattaforme mobili. Non richiedono molto codice specifico della piattaforma e possono accedere a funzionalità specifiche dei device. Possono funzionare anche offline e presentano di solito performance paragonabili a quelle native, in applicazioni tipiche in contesto enterprise.

La scelta della giusta piattaforma mobile è essenziale per il successo della tua strategia di mobilità aziendale. Una volta presa questa decisione, può essere difficile e costoso invertirla.

Queste domande ti guideranno nella giusta direzione:

  • Chi sono gli utenti finali principali della tua app?
  • Quali dispositivi verranno utilizzati?
  • Per le app mobili aziendali, fornirai dispositivi mobili ai tuoi dipendenti o disporrai di una policy BYOD (bring-your-own-device)?
  • Quale piattaforma mobile supporterà la tua app: iOS, Android o entrambi?
  • Quale tipo di dispositivo supporterà la tua app: smartphone, tablet o entrambi?
  • In che modo gli utenti interagiscono con le tue applicazioni?
  • La tua app avrà bisogno di accedere a una funzionalità del dispositivo come fotocamera, altoparlante, GPS, accelerometro o bluetooth?
  • La tua roadmap per la trasformazione digitale include anche le applicazioni web?

Come verranno gestiti i dispositivi aziendali

Quando si pone il problema di inserire applicazioni in ambito enterprise, non si può prescindere dall’analisi dei dispositivi sui quali l’applicazione dovrà girare. 

È necessario capire alcuni fattori importanti, quali:

  • quali saranno i dispositivi?
  • quali sistemi operativi saranno installati?
  • chi si occuperà degli aggiornamenti?
  • chi sosterrà i costi dei servizi?

Generalmente in questo contesto le soluzioni vengono definite con 3 acronimi:

  • BYOD (Bring Your Own Device)
  • CYOD (Choose Your Own Device)
  • COPE (Corporate-Owned, Personally-Enabled).

Indipendentemente dal modello adottato dalla tua azienda, hai bisogno di un modo per proteggere e gestire questi dispositivi . È qui che entrano in gioco la gestione della mobilità aziendale (EMM) e la gestione dei dispositivi mobili (MDM). 

Esempio di applicazione enterprise sviluppata da Neting

Pensa ad uno sviluppo continuo 

Un’app mobile, diversamente da un sito web, richiede manutenzione e un processo di sviluppo continuo. Le aziende che sviluppano in questo contesto, parliamo ovviamente di Google, Apple, Huawei e pochi altri, stanno facendo avanzare rapidamente la tecnologia mobile. Ogni anno vediamo nuove versioni di dispositivi mobili, piattaforme di sviluppo, tecnologie e novità. Poiché il panorama cambia così rapidamente, la capacità di adattarsi ai nuovi contesti è fondamentale: non è raro avere dei rilasci di nuovi sistemi operativi che cambiano sostanzialmente le logiche degli SDK utilizzati fino a quel momento: in un attimo la tua applicazione può diventare buggata e nel peggiore dei casi, del tutto inutile e non funzionante.

Nello sviluppo di app mobili dovrai continuare a supportare le tue app per risolvere bug, nuove funzionalità e vulnerabilità di sicurezza.

  • Chi si occuperà di mantenere aggiornata l’applicativo?
  • Chi verificherà che i nuovi rilasci di SDK e versioni dei sistemi operativi non rendano l’applicativo inusabile?
  • Come verranno gestiti i bug?
  • Esistono dei sistemi di supporto all’uso?
  • Esiste una gestione delle feature requests, ossia di nuove funzionalità?
  • Come garantire che non subentrino nei processi dei breaking changes?
  • Chi si assicurerà che i servizi associati all’applicativo (API) continuino a girare correttamente?
  • Quali strumenti di testing e monitoraggio verranno implementati?

E’ fondamentale prevedere quindi dei processi di supporto all’app, con un monitoraggio continuo del mercato dei sistemi operativi, dei dispositivi, dei sistemi integrati, etc.

È anche importante ricordare che le app mobili basate sui dati si basano su API o interfacce di programmazione delle applicazioni. Le API vengono utilizzate per comunicare con il server back-end e i database. Una solida infrastruttura API aiuterà la scalabilità, l’interoperabilità e la manutenibilità delle tue app mobili. Il tuo piano di distribuzione continua dovrebbe supportare il back-end del server e le modifiche al database.

Pertanto ragiona sempre in un’ottica di continuous development.

Sviluppa una strategia per la governance e la sicurezza

Ultimo e certamente non meno importante, nella tua strategia di sviluppo di un’app aziendale definisci e gestisci con attenzioni gli aspetti legati alla sicurezza e alla politica di governance interna.

La tua politica di governance dovrebbe riguardare:

  • I processi di sviluppo
  • Provisioning del dispositivo
  • Accesso ai dati e sicurezza
  • Copertura delle interruzioni / ripristino di emergenza
  • Gestione delle applicazioni mobili
  • Necessità di miglioramento continuo delle infrastrutture.

Le organizzazioni più grandi potrebbero dover istituire un team di governance. Questo team avrà membri che rappresentano ogni dipartimento interessato dalle soluzioni di mobilità. Le seguenti domande ti aiuteranno a stabilire una buona politica di governance:

  • Chi sono i diversi stakeholder/personale coinvolti nelle vostre iniziative mobili?
  • Quale criterio di distribuzione dei dispositivi (BYOD, CYOD e COPE) si adatta meglio alla tua Azienda?
  • Come proteggiamo le tue API?
  • Quale soluzione di sicurezza utilizzerai per garantire la sicurezza dei dati?
  • Come verranno autenticati gli utenti della tua app (SSO, OAuth, OpenID, impronte digitali, riconoscimento facciale, credenziali di terze parti)?
  • Quale processo di sviluppo e distribuzione seguirai?
  • Le tue app avranno accesso basato sui ruoli? Disponete dei necessari sistemi di gestione delle identità?
  • Quali parametri coprirà il test della tua app: usabilità, funzionalità, prestazioni, sicurezza?
  • In che modo gli utenti della tua app dovrebbero essere informati delle nuove versioni?
  • Quali misure di conformità specifiche del settore devi prendere in considerazione?
  • In che modo il tuo servizio clienti e il team tecnico del prodotto interagiranno con gli utenti per il supporto del prodotto?
  • Quali misure è necessario intraprendere in caso di interruzione del servizio?

Rimani coerente in tutta la tua azienda nell’applicazione della politica di governance della mobilità. Come mostrato sopra, fornire all’IT un potenziamento proattivo aiuterà a salvaguardare la tua azienda, i tuoi dipendenti e i tuoi clienti.

Conclusione: punta sulla squadra giusta

Se non ti sei mai occupato di applicazioni mobili prima, la creazione di app mobili può sembrare un’impresa importante. Potresti non avere nemmeno i progettisti dell’interfaccia utente mobile e gli sviluppatori di app nel tuo team. 

Ma questo non è un problema, siamo qui per questo.

L’importante è affidarsi a specialisti che sappiano supportare non solo la fase di realizzazione del progetto ma anche la vita e manutenzione dello stesso.

Pertanto nel definire il giusto fornitore della tua app considera i seguenti fattori:

  • esperienze pregresse;
  • team ampio e con i necessari skill (e seniority) ma anche con il numero di risorse sufficienti a garantire la continuità del progetto anche in caso di discontinuità di alcune risorse e programmatori;
  • know-how sulle integrazioni (ad es. individua un team che abbia esperienze affini alle integrazioni che devi realizzare: se usi un gestionale specifico – ad esempio SAP – cerca un team che conosca l’ambiente e le logiche specifiche);
  • capacità di supportare il processo di continuous delivery;
  • garanzia di un supporto help desk;
  • capacità del team di crescere nelle competenze, mantenendosi aggiornati su nuove tecnologie;

Una strategia di mobilità aziendale di successo richiede una pianificazione e un coordinamento sufficienti all’interno della tua azienda. Ma può diventare una pietra angolare del percorso di trasformazione digitale della tua azienda. Contattaci per saperne di più!

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Luca Mainieri
Ingegnere per formazione, creativo per passione! Mi interesso di web dal 1998 e dal 2002 il digital è diventata la mia professione. Dopo essermi dedicato alla programmazione (web, server e mobile) mi sono occupato di consulenza, affiancando importanti aziende nell’area sviluppo, project management e web marketing. Dal 2009 sono CEO di Neting.it.
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ecco la tua checklist

Ci sei quasi, ti stiamo inviando la tua checklist editabile. Compila il form qui sotto. Grazie!

Checklist Sito Web Popup