3 Validi Motivi per Sviluppare una Strategia Mobile nel 2014

 

web responsive sviluppo app

Oggi l’accesso alla Rete in mobilità, ossia attraverso dispositivi mobili quali smartphone e tablet, ha raggiunto cifre assolutamente rilevanti, paragonabili all’utilizzo della Rete dai computer tradizionali.
Anzi, se andiamo a leggere le ultime statistiche pubblicate da Google, elaborate insieme a Nielsen, scopriamo che i numeri sono molto interessanti ed aprono scenari completamente nuovi al marketing.

Dalla ricerca (scaricabile qui) risultano chiari 5 punti:

1. I consumatori spendono moltissimo tempo facendo ricerche attraverso i dispositivi mobili
2. Generalmente gli utenti effettuano una ricerca sui dispositivi mobili passando attraverso strumenti di ricerca ‘tradizionale’ e non attraverso app o strumenti specifici
3. La vicinanza tra luogo della ricerca ed oggetto ricercato è fondamentale e può essere sfruttata per aumentare le conversioni
4. La scelta all’acquisto è immediata ed avviene di solti entro un ora dalla ricerca
5. La ricerca in mobilità può influenzare positivamente le vendite anche attraverso altri canali (quali ad esempio, l’acquisto in un negozio fisico dopo aver effettuato una ricerca online attraverso un dispositivo mobile).

Pertanto, dalla semplice analisi di questi primi risultati, si capisce che una strategia di visibilità online non può più prescindere dal fare i conti con questi dispositivi e con la rapidità con la quale l’utente si sta abituando ad usare questi dispositivi per cercare informazioni e fare shopping, anche quando questo shopping viene effettuato poi fisicamente in un negozio.

Vediamo quindi 3 punti che possono farci riflettere sulla necessità di sviluppare rapidamente una stretegia mobile per il 2014.

1. Il dispositivo mobile e la ricerca

Capire dove il consumatore si trova, nel ciclo di acquisto, è la chiave per capire che messaggio si intende destinare e in quale modo.

A questo proposito è interessante notare che:

  • il 59% delle ricerche fatte tramite browser su smartphone, riguardano siti di aziende
  • il consumatore compra un prodotto online, mediamente, dopo 5 visite al medesimo sito
  • un consumatore spende più di 15 ore alla settimana per cercare prodotti, offerte e servizi sul proprio cellulare
  • l’utilizzo dei browser per ricerca su smartphone è circa analogo a quello delle applicazioni
  • il 74% dei consumatori utilizza la ricerca tramite dispositivo mobile durante il processo di acquisto
  • la ricerca web batte la ricerca tramite applicazioni: 48% per il web, 26% per le app

Questo dovrebbe aiutare i vari marchi a capire non solo l’importanza di un sito ottimizzato per dispositivi mobili, ma anche la necessità di pianificare campagne pubblicitare dedicate esclusivamente ad essi.

2. Il dispositivo mobile e i benefici della geolocalizzazione

Nonostante il fuoco incrociato dal quale si sono dovuti difendere piattaforme come Foursquare o Facebook, la geolocalizzazione per la ricerca di un prodotto è fondamentale.
I consumatori vogliono sapere dove trovare quello che cercano, e lo fanno tramite dispositivo mobile.

Si noti che:

  • il 71% dei consumatori utilizza degli store locator per cercare un negozio
  • il 69% dei consumatori si aspetta di trovare il prodotto entro 8km dal luogo in cui si trova
  • il 10% si aspetta di trovarlo entro meno di 2km
  • Strumenti quali la geolocalizzazione dei punti vendita attraverso cartine e mappe interattive integrate al sito sono fondamentali: il 71% degli utenti utilizza questi strumenti per individuare e recarsi presso il punto vendita più vicino

L’importanza di questi dati risiede nel fatto che i clienti cercano e scelgono prodotti in base al luogo e alla prossimità ad esso!

3. Il dispositivo mobile e l’acquisto immediato

Quello che si evince dai dati del report, e che ogni azienda dovrebbe considerare, è il fatto che i consumatori stanno portando le proprie decisoni riguardanti gli acquisti sul cellulare.
E gli acquisti sul cellulare sono molto più immediati di quelli fatti tramite un pc di casa.

sviluppo mobile apps iphone android

Si analizzino i seguenti dati:

  • il 55% dei consumatori che usa un dispositivo mobile per effettuare una ricerca, vuole acquistare entro un’ ora
  • l’88% dei consumatori è intenzionato a farlo entro la giornata

E’ chiaro come molti potenziali clienti siano da considerare persi, in assenza di un adeguata copertura pubblicitaria sulla rete mobile.

Considerando i 3 precedenti punti, si nota come il cellulare si stia sempre più allineando allo schema di acquisto del browser tradizionale, scandito dai 5 stadi: intenzione, ricerca, convalida, decisione, acquisto.

I consumatori spendono sempre più tempo sugli smartphone, restare estranei al ‘mobile ready’ è restare estranei a buona parte del business dei prossimi anni.

 

 

 

Ecco alcuni spunti di riflessione per aiutarvi a sviluppare una strategia mobile-ready per il 2014

Il vostro sito è web responsive? E’ facilmente ed efficacemente navigabile attraverso un dispositivo mobile, smartphone o tablet?

– La vostra attività è correttamente registrata su Google Places ed altre directory geolocalizzate? Avete fatto tutto il possibile perchè Google e gli altri motori di ricerca possano efficacemente localizzare la vostra attività e fornire agli utenti informazioni georeferenziate su di voi?

– Avete analizzato la possibilità di sviluppare un app mobile per promuovere i vostri servizi e prodotti? Una app è un’ottimo strumento non solo per promuovere il vostro brand, ma anche per ottenere informazioni dalla vostra audience. Un app è il modo migliore per farsi conoscere, ma anche per conoscere!

– Conoscete i dati e le statistiche del vostro sito, relativo ad accessi in mobiltà? Sapete da dove accedono i vostri utenti e dove si trova fisicamente il vostro target di riferimento?

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe Interessarti

Luca Mainieri
Dal 2013 sono l’orgoglioso papà di Francesco e Camilla, due panzottini che hanno reso la mia vita più ricca di emozioni. Dal 2002 mi occupo di web in modo professionale, prima come programmatore e successivamente come consulente webmarketing e seo / ppc e social media. Nel 2009 ho creato Neting, con la quale forniamo servizi professionali di sviluppo (realizzazione App e siti Web) e consulenziali (web marketing e promozione SEO / PPC).
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
SCRIVI UN GUEST POST

Sei un blogger e sei interessato a scrivere articoli per il Blog di Neting?

Vuoi approfondire questo argomento?

Vuoi saperne di più? Hai bisogno di aiuto per il tuo business?
I nostri esperti sono a tua disposizione.