Contributo a fondo perduto per sviluppo siti ecommerce. In arrivo Voucher Digitali 2020 a Bologna

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Voucher CCIAA Progetti Digitali 2020

Come fatto in passato, cerchiamo di dare massima visibilità ai Bandi che promuovono contributi a fondo perduto per sviluppo siti ecommerce e progetti digitali avanzati. In questo caso abbiamo appena ricevuto la comunicazione della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna che ha deliberato il nuovo Bando 2020 finalizzato a Promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione. 

Finanziamenti a Fondo Perduto per Sviluppo siti ecommerce e progetti digitali

Il contributo a fondo perduto per lo sviluppo di progetti digitali è concesso in forma di voucher per quelle attività finalizzate alla digitalizzazione e sviluppo di siti ed applicazioni web e mobile, e finanzia a fondo perduto fino al 50% dei costi ammissibili. L’importo massimo erogabile è comunque fissato nel limite di 10.000 euro per singola impresa.

Quando fare le richieste per i Voucher Digitali 2020

Le domande si potranno fare a partire dai primi di settembre e fino all’8 ottobre, dopodiché saranno valutate e la disponibilità di fondi complessiva sarà suddivisa proporzionalmente tra tutti i progetti giudicati in linea con le finalità del bando. Questo significa che ci sono molte meno possibilità di “rimanere fuori” rispetto alle precedenti edizioni, per contro è probabile che il contributo venga ridotto a quota inferiore al 50% delle spese ammissibili per riuscire a servire tutti i richiedenti.

I Beneficiari del Bando Digitale 2020

I beneficiari del Bando Digitale 2020 sono Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) di tutti i settori economici con sede e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della CCIAA di Bologna, che alla data di presentazione della domanda risultino essere attive (iscritte al Registro delle Imprese ed in regola con il pagamento del diritto annuale), non essere in stato di difficoltà alla data del 31 dicembre 2019 e in regola con gli obblighi contributivi e con le normative sulla salute e sulla sicurezza sul lavoro.

Inoltre i Beneficiari non devono avere forniture in essere con la CCIAA di Bologna al momento della liquidazione del voucher. 

Beneficiari Voucher CCIAA 2020 Progetti Digitali

Spese ammissibili per i progetti di digitalizzazione 

Tecnologie Finanziabili Voucher Digitale 2020 Cciaa

I contributi devono riguardare sostanzialmente attività finalizzate a progetti digitali avanzati o Servizi di consulenza e/o formazione relativi ad una o più tecnologie tra quelle previste nel seguente elenco:

  1. robotica avanzata e collaborativa (es. cobot)
  2. interfaccia uomo-macchina (per il comando di macchinari e per ricevere informazioni da essi)
  3. manifattura additiva e stampa 3D
  4. prototipazione rapida
  5. internet delle cose e delle macchine
  6. cloud, fog e quantum computing (con capacità elaborative, non come repository)
  7. cyber security e business continuity
  8. big data e analytics (analisi di ampie base dati, incentrate sulla previsione di accadimenti. L’analisi è su cosa è avvenuto nel passato e perché è accaduto. L’analytics viceversa è focalizzato su cosa è accaduto e cosa potrà avvenire nel futuro, con warning, segnalazioni es. manutenzione predittiva, scarti e deviazioni di lavorazioni, non la semplice raccolta dati di visitatori di siti web)
  9. intelligenza artificiale
  10. blockchain
  11. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D)
  12. simulazione e sistemi cyberfisici (digital twin)
  13. integrazione verticale e orizzontale (verticale: condivisione digitale con clienti/fornitori delle informazioni sullo stato della catena di distribuzione – es. giacenze, tracking, ecc. / orizzontale: integrazione digitale dei dati e delle informazioni lungo le diverse fasi realizzative)
  14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain (es. sistemi per il Just in time, per l’azzeramento dei magazzini)
  15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc)
  16. sistemi di e-commerce (con funzionalità di acquisto, visibilità su disponibilità a magazzino e stato dell’ordine, ad es. e-commerce collegati al gestionale dell’impresa o dei fornitori, soluzioni di dropshipping; non riguarda lo sviluppo del sito web dell’impresa che non contenga funzionalità complete di commercio elettronico)
  17. sistemi per lo smart working e il telelavoro (principalmente tecnologie implementate in azienda per consentire al lavoratore di poter lavorare da remoto con mezzi propri, es. linee dedicate, virtualizzazione del desktop-VDI, reti virtuali private-VPN, secondariamente computer o notebook e relative periferiche nel caso di particolari necessità es. per ragioni di cybersecurity)
  18. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19
  19. connettività a Banda Ultralarga (ad almeno 100 Mbps, dispositivi e spese per la connessione, ad esclusione dei dispositivi di telefonia mobile).

Inoltre possono rientrare nelle richieste altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste precedentemente.

  1. sistemi di pagamento mobile e/o via Internet
  2. sistemi fintech
  3. sistemi EDI, electronic data interchange (sistemi automatici di scambio dati fra gestionali, dell’impresa con clienti, fornitori – es. OdA-ordini di acquisto, OdL-ordini di lavoro, consistenza e allineamento magazzini)
  4. geolocalizzazione
  5. tecnologie per l’in-store customer experience (es. realtà aumentata con configuratori di prodotti, camerini digitali, casse automatizzate)
  6. system integration applicata all’automazione dei processi (es. integrazione di differenti e distinte automazioni di processo)
  7. tecnologie della Next Production Revolution (NPR)
  8. programmi di digital marketing (es. processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi – il cosiddetto “branding”- e sviluppo commerciale verso i mercati)
Progetti Idonei Voucher Digitale 2020 Cciaa

Entità del Contributo a Fondo Perduto

Tutte le spese possono essere sostenute a partire dal 1 gennaio 2020 fino al 120° giorno successivo alla data di Approvazione delle Graduatorie. L’investimento minimo nel progetto di digitalizzazione è di 5.000 euro. 

Finanziamento Fondo Perduto Digitale Cciaa 2020

L’importo massimo erogabile è comunque fissato nel limite di 10.000 euro per singola impresa. È riconosciuta una premialità di 250,00 euro se l’impresa è in possesso, al momento dell’erogazione del voucher, del Rating di Legalità. Il contributo concesso è cumulabile per gli stessi costi ammissibili con altri aiuti di Stato nel rispetto delle disposizioni e delle norme relative al cumulo previste dai relativi regolamenti. 

Come presentare la domanda per il Voucher Digitale 2020

Come Partecipare Voucher Digitale 2020

Termini di presentazione 

Le domande devono essere trasmesse in modalità telematica dalle ore 09:00 del 10/09/2020 alle ore 17:00 del 8/10/2020. 

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni, qui puoi scaricare il Bando Completo.

Realizza il tuo Progetto Digitale con Neting

Hai un progetto digitale in mente e pensi che il Voucher 2020 possa essere un valido aiuto? Scegli il Partner giusto per realizzarlo al meglio!
Contattaci e saremo lieti di analizzare il tuo progetto e fornirti un preventivo mirato 😉

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Luca Mainieri
Dal 2013 sono l’orgoglioso papà di Francesco e Camilla, due panzottini che hanno reso la mia vita più ricca di emozioni. Dal 2002 mi occupo di web in modo professionale, prima come programmatore e successivamente come consulente webmarketing e seo / ppc e social media. Nel 2009 ho creato Neting, con la quale forniamo servizi professionali di sviluppo (realizzazione App e siti Web) e consulenziali (web marketing e promozione SEO / PPC).
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn