Checklist Indispensabile: tutti i Controlli Prima di Andare Online con un Nuovo Sito Web

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Checklist Sito Web

Se hai realizzato un nuovo sito web, avrai capito che la fase della messa online è sicuramente la più delicata ed importante. Questa fase diventa ancora più critica quando il sito che avete realizzato è la nuova versione di un sito già esistente (spesso chiamata in gergo web restyling). Nella fase di messa online di un sito nuovo ci sono molti aspetti che vanno controllati perchè possono impattare sull’usabilità, sulle funzionalità e non per ultimo sul posizionamento SEO del sito sui motori di ricerca. Capita infatti molte volte che il nuovo sito web provochi un forte calo nel posizionamento e nella visibilità del sito su Google.

Quali controlli fare in fase di messa online 

I controlli da fare prima della messa online sono di varia natura:

  • controlli sui contenuti
  • controlli SEO
  • controlli sull’usabilità (UX e UI)
  • controlli di adeguamento alle normative
  • controlli di web marketing
  • controlli di integrazione e continuità con le infrastrutture precedenti
  • e molti altri…

Come vedete gli aspetti sono tanti e controllare tutto prima della messa online di un nuovo sito potrebbe essere molto complesso, soprattutto perchè ogni progetto web ha le sue caratteristiche e peculiarità.

In questo articolo proviamo ad indicare una lista di 8 serie di controlli puntuali che con gli anni si sono rivelati fondamentali nella delicata fase di messa online di un sito web e, se fatti bene, molte volte possono prevenire un vero… disastro.

Perché sono importanti questi controlli

Se sei uno sviluppatore professionista di siti web potresti avere chiaro il tuo metodo di lavoro e conoscere a menadito tutto il processo… Tuttavia, proprio perché alcuni task risultano spesso ripetitivi e noiosi, potresti avere la tendenza a tralasciare alcuni controlli proprio nelle fasi finali.

Se invece sei uno sviluppatore occasionale di siti web, questa lista potrebbe aiutarti a non dimenticare alcuni aspetti che spesso sono trascurati.

Ecco perché pensiamo che avere sotto mano una lista di controllo che tenga conto di tutti gli aspetti che possono incidere sul risultato finale possa essere una buona idea per prevenire alcuni possibili errori… anche per i migliori 😜

1. Controlli sui contenuti

Questo è il primo step ed anche il più semplice. Per portare a termine questo task ci vuole molta pazienza e la collaborazione di tutto il tuo Team, dei copy, del team visual e del committente.

In questa fase consigliamo di controllare alcuni aspetti fondamentali quali:

  • testi presenti e validati dal committente
  • correttezza grammaticale
  • link interni funzionanti e che puntino correttamente al link definitivo
  • immagini presenti, validate e che non ci siano delle violazioni di copyright
  • traduzioni presenti per ogni contenuto e switch di lingua funzionanti
  • peso delle immagini al minimo indispensabile

2. Controlli sul responsive e mobile

Aspetto molto importante di questi tempi! Infatti a partire dal 2019, il 55,9% delle visite sui siti web proviene da utenti desktop, rispetto al 40,1% degli utenti mobili.

Inoltre Google mostra sempre più importanza all’usabilità dei siti da mobile e questo aspetto è diventato rilevante ai fini del posizionamento del sito. Consigliamo quindi di dedicare sempre molta attenzione a verificare: 

  • l’usabilità da mobile smartphone (landscape e portrait) e dai principali formati di tablet
  • funzionamento ed usabilità dei form di contatto da mobile
  • la velocità da mobile 
  • elementi interattivi come bottoni, link etc. non siano troppo piccoli o troppo vicini tra loro

Consiglio pro

Per i consigli della velocità da mobile usare: https://www.thinkwithgoogle.com/intl/it-it/feature/testmysite/

Per testare la tenuta grafica sui vari dispositivi usare gli strumenti da sviluppatori di Chrome DevTools. Per accedere Premi F12 oppure Control+Shift+I su Windows o Linux per aprire la console, che apparirà in basso (Su Mac, premi Command+Option+I).

3. Controlli sull’usabilità

Questa serie di controlli può essere molto estesa e dipende ovviamente dal tipo di sito e dal tipo di uso che ne viene fatto.

Tra i controlli di usabilità consigliamo:

  • Grandezza dei font e contrasto dei colori
  • Aggiunta di una favicon
  • Link sul logo principale
  • Funzionamento dei form 
  • Funzionamento corretto della navigazione con tutti i dispositivi
  • Funzionamento dei download di documenti (se presenti)

Consiglio Pro

Recentemente Google ha inserito in Google Search Console il report di usabilità da dispositivi mobile. Strumento molto utile che conviene decisamente tenere in considerazione.

4. Controlli sulla velocità del sito 

La velocità di caricamento di un sito è fondamentale per l’User experience.

Abbiamo trattato questo argomento più volte in passato e recentemente abbiamo anche approfondito come i segnali di usabilità e velocità siano collegati nei Core Vitals di Google.

Tra i controlli sulla velocità di un sito consigliamo di:

  • Abilitare un sistema di caching lato server
  • Abilitare un sistema di caching lato client
  • Minificare Css e il codice Javascript, se possibile
  • Installare una CDN, se possibile

Consigli Pro

Per i controlli sulla velocità consigliamo di usare i differenti strumenti presenti online (Google Page Speed, GTmetrix, etc.) ma considerando sempre che il caricamento di un sito dipende da molti fattori, quali carico della rete, ora della giornata, tipo di connessione internet, pagina che si sta navigando, traffico sulla rete, etc. Inoltre gli strumenti di controllo ti forniscono una lettura di velocità sulla singola pagina testata e non su tutto il sito. È importante quindi verificare la velocità delle pagine più importanti (landing page e pagine destinate alla conversione).

5. Controlli sulla sicurezza del sito 

Il fattore sicurezza viene spesso trascurato, soprattutto quando si tratta di mettere online un nuovo sito web.

Ricordiamo che i CMS più utilizzati, oggi, per realizzare i siti web (WordPress, Joomla, Prestashop solo per citarne alcuni) sono piattaforme sicure solo se vengono mantenuti aggiornati ed equipaggiati con i corretti componenti e plugin. Non a caso abbiamo creato un tool per verificare la vulnerabilità su WordPress

Tra i controlli sulla sicurezza di un sito web consigliamo:

  • Cambiare le password di amministrazione e scegliere un username e password sicuri (sconsigliamo di usare “admin” come username)
  • Inserire un sistema di firewall, logging e controllo sui tentativi fraudolenti di accesso al sito 
  • Quando possibile spostare l’accesso alla pagina amministrativa su un indirizzo differente da quello di default
  • Inserire i sistemi di recaptcha nei form
  • Impostare un sistema di backup e salvare sempre una copia della versione precedente del sito
  • Impostazione SSL / HTTPS e Certificati SSL

Consiglio Pro

Se un sito segnalato è come non sicuro il problema potrebbe derivare dalla presenza di Mixed Content in pagina. Se la pagina HTTPS include contenuti recuperati attraverso richieste HTTP regolari (non crittografate), la connessione risulterà solo parzialmente criptata. Per verificare quali contenuti sono recuperati da http (senza S) usare lo strumento sviluppatori di Google Chrome o Firefox.

6. Controlli SEO sul nuovo sito 

Molto spesso la messa online di un nuovo sito è motivata dalla volontà di migliorare la propria visibilità ed opportunità di business online, tuttavia occorre tenere conto che questa fase può essere fortemente critica per il posizionamento sui motori di ricerca. 

Occorre anche tenere presente che la fase di ottimizzazione di un sito web dal punto di vista SEO è la parte più complessa del lavoro, perché coinvolge aspetti tecnici, di usabilità, di contenuti e di architettura dell’informazione. Consigliamo sempre di farsi seguire da un professionista SEO in questa fase, soprattutto se non si vuole rischiare di incappare in qualche penalizzazione. 

I controlli di tipo SEO che consigliamo su un nuovo sito, prima della messa online, sono i seguenti:

  • Controllo dell’indicizzabilità del sito (rimozione dei noindex e dei disallow sul file robots.txt)
  • Controllo sui contenuti duplicati
  • Verifica dei codici di stato
  • Controllo sul corretto markup di pagina (Hx)
  • Generazione della sitemap e corretta iscrizione a Google Search Console
  • Impostazione delle meta description 
  • Configurazione di dati strutturati e schema.org
  • Redirect 301 dei vecchi url sul nuovo sito

Consiglio Pro

Salvare sempre la sitemap del sito precedente ed una scansione completa per verificare che i redirect siano funzionanti correttamente ed avere una fotografia del vecchio sito, prima della messa online del nuovo sito. Usare uno strumento come Screaming Frog per effettuare le attività di controllo e verifica dei fattori SEO indicati.

7. Controlli su aspetti di marketing e analytics

Il corretto monitoraggio di un sito web è fondamentale per operare azioni correttive rapide e puntuali. Implementare i giusti strumenti di tracciamento e marketing è quindi fondamentale sin dalla messa online del sito. 

Tra gli aspetti da non tralasciare in questa fase ricordiamo:

  • Integrazione dei sistemi di analisi del traffico (Google Analytics o similari)
  • Iscrizione a Google Search Console 
  • Inserimento dei link social (con Target= “_blank”) e verifica che puntino ai canali social aziendali 
  • Inserimento dei Pixel (nel caso di campagne Facebook ADS)
  • Inserimento del Google Tag Manager per una gestione ottimale dei tag di tracciamento

Consiglio Pro

Non dimenticare di tracciare i principali eventi, sia con Google Analytics sia con i Facebook Pixel, e di fare un debug.

8. Controlli su aspetti legali 

Questi aspetti potrebbero non sembrare interessanti, tuttavia sono decisamente i più importanti se non vogliamo incorrere in qualche pesante sanzione!

Le cose che occorre tenere presente sono:

  • Inserimento della cookiebar e del blocco dei cookie preventivo
  • Inserimento delle policy sul trattamento dei dati e sul responsabile del trattamento dati
  • Controllo sulla partita IVA nel sito
  • Copyright del contenuto
  • Accettazione sul trattamento dei dati sui vari form (consenso all’uso dei dati) e link alle policy aziendali
  • Contatti per la cancellazione dei dati per il diritto di recesso
  • Termini e condizioni di vendita e recesso per gli ecommerce

Consiglio Pro

E’ importante ricordare in questa fase che per la legge è obbligatoria l’indicazione della Partita IVA sul sito web, ciò anche se il sito è utilizzato per fini meramente propagandistici e pubblicitari senza il compimento di attività di commercio elettronico, pena la sanzione da un minimo di € 250 ad un massimo di € 2.000.

9. Controlli sui siti eCommerce

I siti ecommerce sono un capitolo a parte e meriterebbero una lista di controlli a sé stante. Per completezza riportiamo i principali controlli da fare proprio nelle fasi precedenti alla messa online su alcuni aspetti che spesso vengono trascurati:

  • Verificare che i metodi di pagamento siano configurati per la produzione e rimosse le sandbox dei metodi di pagamento
  • Controllare i prezzi di spedizione per le varie destinazione e paesi
  • Controllare l’applicazione delle tasse e dell’IVA
  • Controllare i riferimenti (indirizzi, email, etc) per la customer care
  • Controllare i testi delle mail di notifica (conferma, cambio stato, invio, tracking dell’ordine, etc.)
  • Controllare le policy sui rimborsi e resi
  • Controllare i destinatari delle mail di notifica

Consiglio Pro

Non dimenticare di impostare i dati strutturati per le pagine prodotto e i listati (schema.org).

10. Controlli sui siti multilingua

Anche i siti che implementano lingue differenti hanno livelli di controllo più complessi e meriterebbero alcune considerazioni a parte, che però sono fuori dallo scopo di questo articolo. Segnaliamo alcuni aspetti che per esperienza sono importanti da verificare nelle fasi immediatamente antecedenti alla messa online di un nuovo sito web.

  • Verificare gli switch di lingua ed il corretto indirizzamento alle pagine tradotte
  • Verificare che tutte le pagine siano correttamente tradotte, impostando eventualmente le pagine di fall back sulle traduzioni mancanti
  • Impostare gli URL (permalink) search engine friendly con parole relative alla lingua di riferimento
  • Impostare le cookie e le privacy policy nelle lingue corrette
  • Impostare i form di contatto e le mail di notifica nelle lingue corrette

Consiglio Pro

Non dimenticare di impostare i tag HREFLANG per la corretta indicizzazione dei contenuti multilingua.

Conclusioni

Come vedete gli aspetti da considerare sono moltissimi e per questo abbiamo preparato la seguente check list scaricabile che potete utilizzare nelle fasi di controllo del vostro sito web.

Le competenze richieste per implementare questi aspetti sono molte e pertanto è sempre consigliabile fare riferimento a professionisti nelle delicate fasi di messa online.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Luca Mainieri
Ingegnere per formazione, musicista per passione, papà per amore. Mi interesso di web dal 1998 e dal 2002 è diventata la mia professione. Dopo essermi dedicato alla programmazione (web, server e mobile) e mi sono occupato di consulenza, affiancando importanti aziende nell’area sviluppo, project management e web marketing. Dal 2009 sono CEO di Neting.it.
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ecco la tua checklist

Ci sei quasi, ti stiamo inviando la tua checklist editabile. Compila il form qui sotto. Grazie!

Checklist Sito Web Popup