Facebook API Conversion: tutto quello che devi sapere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Facebook API Conversion: come funziona

Se utilizzi Facebook per fare advertising allora avrai sicuramente sentito parlare di API Conversion, se non altro perché da qualche tempo a questa parte il buon Mark non fa altro che consigliartelo.


E mai consiglio fu più prezioso di questo. Si, l’API Conversion è utile. Si, se non l’hai ancora installata è arrivato il momento di farlo e si, oggi ti parlerò di come funziona e dei suoi vantaggi rispetto al semplice pixel.
Prenditi 5 minuti (dai anche meno!) e leggi tutto quello che devi assolutamente sapere sull’API Conversion di Facebook!

Cos’è l’API Conversion di Facebook

Iniziamo dalle cose semplici. Cos’è l’API Conversion e perché all’improvviso è diventata così imprescindibile? 


L’API Conversion non è altro che uno strumento creato da Facebook che, quasi come il classico Pixel, permette di raccogliere e gestire i dati per le tue campagne ads. A differenza del Pixel però, l’API Conversion non si affida ai browser web ma condivide i dati direttamente dal tuo server a quello di Facebook.

Server Side Pixel

In che senso condivide i dati direttamente lato server?

Ti spiego meglio, tu continua a leggere e vedrai che ti sarà molto più chiaro.

Come funziona l’API Conversions

Ti spiego meglio, se all’improvviso l’API Conversion è diventato indispensabile per chi fa marketing con Facebook Business è per via dell’evidente diminuzione di efficacia da parte del Pixel di Facebook.

Si, il Pixel di Facebook è ormai uno strumento che da solo non basta per raccogliere dati. Questo perché la sua raccolta dati del Pixel avviene lato browser e non riesce a bypassare una moltitudine di strumenti come gli AD Blocker, i Cookie Blocker e, soprattutto, le nuove misure di iOS14. 

E se i limiti di iOS 14 riguardo l’uso dei cookie per il tracciamento sui dispositivi mobile Apple non ti spaventa, allora ti devo dare una brutta notizia: come in un horror hollywoodiano il peggio deve ancora arrivare. 

Non è una notizia nuova infatti che il vento sta cambiando e che i principali browser si stanno preparando a un limite molto significativo dei cookie di terze parti già a partire dal 2022. 

Per far fronte a questa serie di cambiamenti (ben più micidiale di quello introdotto da iOS14) Facebook ha deciso, una volta per tutte, di dare un’accelerata al tracciamento server side grazie all’API Conversion. La differenza sostanziale infatti tra Pixel e Api Conversion è proprio nel modo in cui i dati per i tuoi Eventi vengono condivisi.

Il Pixel raccoglie i dati lato browser mentre l’API Conversion bypassa il terreno minato in cui si trova il Pixel e condivide i dati direttamente dal server.

Facebook API Conversion analytics

Ciò fa sì che anche se un utente ha impostato un ad blocker o utilizza un dispositivo iOS14 riuscirai comunque ad avere il tuo dato di conversione o di qualsiasi tipo di evento.Scommetto che già ora ti starai convincendo ma aspetta, non è tutto.

Con API Conversion, essendo un tracciamento lato server, non dovrai neanche preoccuparti di perdere dati a causa dei Cookie dal momento che si tratta di un tracciamento lato server.

Vantaggi dell’API Conversions

Si, dal punto di vista tecnico dovrebbe esserti chiaro che con API Conversion non rischierai più di perderti dei pezzi qua e là. Ma i vantaggi tangibili per le tue campagne quali sono?

I vantaggi dell’API Conversion sono diversi, vediamone alcuni tra i più importanti:

  • Riduzione del costo per azione;
  • Migliori dati di misurazione;
  • Una visibilità completa di tutto il percorso d’acquisto; 
  • Ridurre il costo per azione grazie a una maggiore corrispondenza di eventi.

Riduzione del costo per azione

Trattandosi di dati meno influenzati di quelli lato browser sono molto più affidabili. Questo vuol dire ottenere connessioni più affidabili che permetteranno all’algoritmo di Facebook di lavorare con dati più precisi e di ridurre il costo per azione delle tue campagne.

Migliori dati di misurazione

Misurazione migliore vuol dire anche dati di attribuzione migliori e di conseguenza uno sguardo più consapevole sui risultati delle tue campagne.

deduplicazione evento facebook

Visibilità completa di tutto il percorso d’acquisto e della canalizzazione

Una visibilità completa di tutto il percorso d’acquisto e della canalizzazione è possibile grazie all’implementazione dell’API Conversion. Il Pixel è già in grado di ricevere informazioni importanti sulle azioni che si verificano sul tuo sito, come i lead, le visualizzazioni di pagina o gli acquisti. Con l’API Conversion potrai inviare ulteriori dati, come gli acquisti offline e i dati estrapolati dal tuo CRM.

Ridurre il costo per azione grazie a una maggiore corrispondenza di eventi

Con API Conversion si aggiunge qualche nuova dinamica. Parliamo del punteggio di qualità della corrispondenza degli eventi. So che è scontato dirlo ma ovviamente maggiore sarà questo punteggio e più benefici otterrai.

qualità della corrispondenza degli eventi facebook

Alzare il punteggio di qualità della corrispondenza degli eventi è un’azione che può sembrare complicata ma si tratta sostanzialmente di fornire a Facebook una serie di parametri, come e-mail, Id Facebook, numero di telefono etc.. 

Per farlo dovrai intervenire quindi sulla mole di parametri che invii al tuo gestore di eventi di Facebook. Il punteggio assegnato da Facebook può quindi variare da 1 a un massimo di 10 punti. A tal riguardo Facebook ci consiglia di raggiungere un punteggio ideale di 6,0.

parametri facebook
Lista di parametri fornita da Facebook

Domandone finale: meglio utilizzare il Pixel o l’API Conversion?

Andiamo dritti al sodo. Vuoi sapere qual è la soluzione migliore?

La risposta è entrambi! Infatti, l’utilizzo del Pixel non esclude quello dell’API Conversion e viceversa.

Pixel e API possono e devono convivere. È lo stesso Facebook a metterla su questi termini. Anche se implementerai l’API Conversion il tuo Pixel non smetterà di inviare dati ma entrambi, API e PIxel, invieranno i dati per gli eventi scelti. 

So cosa stai pensando, ma così non rischio di ritrovarmi dati duplicati?

Non temere, il modo in cui Facebook registrerà i dati inviati per i singoli eventi è tale da dare la priorità a quelli condivisi dal Pixel. Al tuo Gestore Eventi di Facebook Business arriveranno anche i dati condivisi dall’API Conversion ma solo quando questi non saranno stati inviati dal pixel, di modo da non ritrovarsi dati duplicati.

Per fare ciò, Facebook opera infatti una deduplicazione degli eventi grazie all’ID di questi ultimi.

In sostanza: se non l’hai ancora fatto conviene subito correre ai ripari e installare l’API Conversion in uno dei tanti modi che Facebook ti mette a disposizione. 

E ricorda, per qualsiasi dubbio o nel caso dovessi incontrare qualche piccola difficoltà con il tracciamento delle tue campagne Facebook, non improvvisare e affidati a degli esperti

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe Interessarti

Marco Zucca
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Vuoi migliorare la tua strategia di web marketing?

contatta uN CONSULENTE marketing di neting

Ecco la tua checklist

Ci sei quasi, ti stiamo inviando la tua checklist editabile. Compila il form qui sotto. Grazie!

Checklist Sito Web Popup