Social Marketing con TikTok: una nuova opportunità per le Aziende

Tiktok logo

Sicuramente avete sentito parlare di TikTok visto che molte celebrità italiane dello showbiz si stanno lanciando nell’utilizzo di questa app. Ma questo nuovo canale Social rappresenta una opportunità di Marketing per le Aziende? I Brand potranno utilizzare questa App per fare promozione e quali sono le caratteristiche e peculiarità di questo strumento di social marketing?

Breve storia di TikTok

TikTok è apparentemente esploso dal nulla per diventare una delle app più scaricate al mondo, tanto che ad agosto è stata l’app più scaricata al mondo (dati Sensor Tower).

Social Marketing con TikTok
Crescita di TikTok Utenti

Ma come è partito tutto? TikTok ha iniziato la sua vita come un’app di condivisione video di discreto successo – taggata Douyin nella sua Cina nativa e TikTok nel resto del mondo. Nel 2018, tuttavia, ha acquistato l’app più nota, Musical.ly, migrando tutti i suoi utenti non cinesi su una nuova piattaforma TikTok combinata.

Cos’è TikTok App

TikTok è una piattaforma social che incoraggia i suoi utenti a caricare brevi video. La maggior parte dei suoi ex utenti di Musical.ly hanno semplicemente caricato video di se stessi che facevano lip-sync su video musicali. Gli utenti più talentuosi, entusiasti e tecnicamente competenti hanno caricato video di contenuti originali, e sono queste persone che sono diventate le influencer sulla piattaforma.

Quindi riassumendo, quello che sappiamo di TikTok App è che

  • in principio c’erano due social (Musical.ly, Cina 2014 e Tik Tok, Cina 2016) che poi si son fusi in uno solo (agosto 2018),
  • contiene video brevi, di 15–60 secondi,
  • è al n. 9 tra i social network più usati al mondo,
  • spopola in India,
  • in Italia a novembre 2018 registrava 2,4 milioni di utenti (e 500 milioni in tutto il mondo),
  • sulla sua testa pende una multa di 5,7 milioni di dollari per avere raccolto i dati dei minori di 13 anni senza il consenso dei genitori.

Sia l’originale TikTok che Musical.ly hanno preso di mira lo stesso pubblico: adolescenti e under 25. Pertanto, non sorprende che la piattaforma si concentri sugli utenti di fascia d’età 13-24.

https://youtu.be/SCLN9av5ets

Come funziona TikTok

Una cosa che è cambiata con la crescita della popolarità della piattaforma è che ora c’è più varietà nelle tipologie di video che le persone condividono. Non sono più solo musicali. Comici emergenti che eseguono piccoli sketch, skateboarder che mostrano le loro abilità, pranksters, ballerini, appassionati di moda, make up artist in erba e appassionati di artigianato, tutti colgono l’occasione per condividere video che dimostrano il loro talento. E ora stiamo persino vedendo persone che condividono video in cui parlano dei loro prodotti preferiti (la parola influencer vi dice niente? 😉 )

Naturalmente, non tutti gli utenti di TikTok hanno la sicurezza in sè stessi o le competenze per creare video. Proprio come molti spettatori di YouTube sono in agguato, semplicemente alla ricerca di contenuti interessanti da visualizzare, alcuni TikToker assumono anche un atteggiamento più passivo verso l’utilizzo dell’app.

L’applicazione mobile TikTok permette agli utenti di accelerare, rallentare o modificare mediante un filtro il suono o la musica di sottofondo, selezionabile all’interno di una vasta gamma di generi musicali. Tramite un’opzione dedicata, è possibile registrare audio e video della propria reazione mentre la clip viene visualizzata sullo smartphone, mentre l’opzione “duo” permette di condividere le videoripresa di due terminali mobili in un unico video. Tale funzionalità è utilizzata ad esempio fra due persone vicine per filmarsi l’una col cellulare dell’altra.

L’applicazione consente agli utenti di configurare i propri account come “privato”. Il contenuto di questi account rimane a disposizione di TikTok, ma è visibile solamente dagli utenti autorizzati dal titolare dell’account, che, similmente ad altri social, possono scegliere se rendere il profilo pubblico ovvero se interagire soltanto con gli amici, tramite commenti, messaggi o video di “reazione” e “duo”.

TikTok utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare gli interessi e le preferenze manifestate dagli utenti dell’applicazione, in modo tale da poter personalizzare singolarmente i contenuti ad essi proposti.

In effetti, gli utenti di TikTok non devono necessariamente seguire qualcuno. Possono semplicemente aprire la loro app, andare alla loro pagina “Scopri” e iniziare a riprodurre i video che sembrano interessanti o divertenti. Possono persino cercare video su argomenti preferiti utilizzando hashtag pertinenti.

Con il passare del tempo, tuttavia, molti utenti di TikTok apprezzano determinate tipologie di video ed è probabile che si iscrivano ai canali che condividono regolarmente proprio quei tipi di video. Ogni TikToker ha una pagina del profilo e questo mette in evidenza i video che hanno caricato.

Cos’è TikTok

  • è un po’ YouTube essendo una piattaforma totalmente basata su contenuti video,
  • è un po’ Facebook poiché ogni post prevede (ben in vista) i tasti like, commento e condivisione,
  • è un po’ Instagram con “scopri”, “segui” e filtri a non finire,
  • è un po’ Twitter: hashtag, hashtag ovunque,
  • è un po’ Snapchat: con un meccanismo di pubblicazione e visualizzazione che è molto molto simile alle stories.

Cos’ha in più?

  • una possibilità di elaborazione dei contenuti che personalmente non avevo mai visto prima tra filtri, effetti, stickers e altre centinaia di diavolerie che non credo di aver capito
  • un’immediatezza sorprendente riguardo all’uso e alla comprensione della piattaforma: a meno di 30 secondi dall’installazione dell’app ero già immersa nella navigazione
  • la musica.
    In ogni post c’è uno spazio dedicato al titolo della canzone che si sta ascoltando e in fase di pubblicazione c’è una sezione “suoni” molto articolata che permette di aggiungere musica al post.

Chi usa TikTok e profilo utenti di TikTok

Tik Tok ha attivamente preso di mira la generazione Z a livello internazionale (un grande numero di utenti è statunitense), con una propensione maggiore verso l’utenza femminile. Presto si prevedono cambiamenti e un ampliamento dell’utenza, vista l’entrata in campo di celebrità italiane come Michelle Hunziker e Fiorello. Tuttavia, al momento, è ancora favorito dai giovani, con il 66% dei suoi utenti under 30 anni.

Il 59% degli utenti di Tik Tok ha più di 24 anni. Gusto per fare un paragone su Instagram siamo circa al 63%, su Facebook al 75%; quindi sì, giovani, ma non poi troppo. Il 65% degli utenti di TikTok sono donne.

Come viene usato TikTok

Il tempo medio speso su questa piattaforma è di 52 minuti, abbastanza in linea con le altre.

Il 29% degli utenti attivi lo usa tutti i giorni (50% per Instagram, 71% per Facebook). Quindi ok, saranno forse invasati di social, ma anche dalle altre parti non è che si scherza…

La percentuale di engagement (cioè di utenti che una volta aperta l’app fa qualcosa tipo postare, aggiungere un like, scrivere un commento ecc.) è molto bassa: il 29%. In media sugli altri social siamo intorno al 95%.

Engagement Index per piattaforma Social – gennaio 2019

Non so a te, ma a me, questa faccenda dell’engagement al 29% ha dato da fare: significa che 2 volte su 3 si apre Tik Tok per guardare e basta.
L’utente non genera, non da feedback, non viralizza… questo — dal punto di vista di un analyst della vecchia guardia come me — dovrebbe essere indice di un fallimento totale.

Eppure evidentemente non è così. 2 volte su 3 la prima intenzione dell’utente di Tik Tok non è relazionarsi ma guardare i video punto e basta.
E’ un po’ un social e un po’ YouTube insomma (dai, non scherziamo, lo sanno tutti che YouTube non è un social).

Oltre un miliardo di utenti su TikTok

Tirando le somme e parlando di numeri, TikTok è cresciuto enormemente nell’ultimo anno. L’app è stata quella gratuita per iOS più scaricata durante la prima metà del 2018. Ha anche superato Google Play nell’ottobre 2018. Nel complesso, TikTok si è classificata al terzo posto nel mondo a novembre 2018.

Tiktok grafico utenza

TikTok ha avuto oltre 1,1 miliardi di installazioni a marzo 2019. Gli utenti lo hanno scaricato più di 660 milioni di volte solo nel 2018, con ulteriori 188 milioni di download durante il primo trimestre del 2019. Più di 500 milioni di persone usano TikTok a livello globale ogni mese.

Fare Social Marketing su TikTok

Visti i numeri e la forte viralità dei contenuti, non dovrebbe sorprendere, che i professionisti del marketing (noi compresi) abbiano iniziato a osservare la piattaforma e pensare a come sfruttarne il potenziale.

Ma come farlo a livello aziendale? Ci sono diversi modi con cui i brand possono approfittare di TikTok:

  • creare il proprio canale e caricare video pertinenti attraverso quest’ultimo 
  • lavorare con influencer, per diffondere contenuti a un pubblico più ampio
  • fare advertising direttamente su TikTok

Quelli che hanno voluto/potuto/avuto-budget-in-avanzo si sono già mossi: mica stanno lì ad aspettare di essere l’ennesimo brand che sbarca su TikTok col suo piano editoriale trito e ritrito.

Ho trovato, per esempio, gli account di Sephora e Wired Italia: entrambi presenti sia su Instagram sia su Tik Tok; entrambi generano volumi non molto diversi (soprattutto se si considera che il numero di follower su Tik Tok è ancora nettamente inferiore); entrambi creano piani editoriali e contenuti dedicati alla piattaforma.

Hashtag Challenge

Le sfide sono una caratteristica essenziale della comunità di TikTok. I suoi utenti adorano raccogliere una sfida e realizzare e caricare video di conseguenza. A queste sfide viene solitamente assegnato un nome con #, per renderle riconoscibili e facili da trovare.

Una delle sfide più conosciute dell’ultimo periodo è quella  #ForClimate.

TikTok Challenge forclimate

I brand possono anche incoraggiare le sfide di hashtag su TikTok. A meno che il tuo brand non voglia creare un canale TikTok, dovrai fare del tuo meglio per lavorare con influencer per dare il via alla tua sfida #hashtag. Una volta che la  sfida #hashtag è lanciata su TikTok, tutti gli utenti possono partecipare con pochi clic.

Contenuto generato dall’utente

Questo è un tipo di marketing che i brand possono basare sul proprio canale TikTok o, in alternativa, lavorare con influencer per incoraggiare i loro follower a creare contenuti generati dagli utenti (User Generated Content) che supportino il brand in qualche maniera.

La generazione Z ama le esperienze full immersive. Ecco perché non si siedono a casa a guardare le trasmissioni televisive tradizionali: è un’esperienza troppo passiva. La generazione Z preferisce di gran lunga essere coinvolta.

Se riesci a trovare un modo per incoraggiare i tuoi Clienti a condividere video di sé stessi, utilizzando o interagendo con i tuoi prodotti in qualche modo, è probabile che tu ottenga un elevato consenso da parte degli stessi utenti.

Un esempio proprio in Italia di questo metodo è la collaborazione di Zelig e TikTok.
All’utente veniva proposto di caricare un proprio video comico con hashtag #TikTokZelig per poter diventare protagonista di Zelig per un giorno. I video più divertenti infatti sono apparsi/appariranno su ZeligTV e sul profilo TikTok @zelig_official.

Esempio contenuto di Tiktok

Marketing tradizionale con influencer

Naturalmente, tutte le tecniche di marketing di influencing basate su video che vedi su altre piattaforme come YouTube, funzionano anche su TikTok. Se il tuo prodotto è adatto al pubblico di un influencer, la tua campagna Marketing su TikTok dovrebbe avere successo. Nella maggior parte dei casi, dovresti lasciare agli influencer stessi la creazione del contenuto: sono loro i primi a sapere cosa piace ai loro follower.

Ma attenzione! Come sempre, la chiave per il successo del influencer marketing è stabilire obiettivi adeguati ed identificare il livello del funnel a cui agire. Proprio per questo la scelta del influencer dovrà essere oculata.

Infatti, spesso, tutto ciò che un Brand deve fare è incoraggiare gli influencer a realizzare video che li raffigurano indossando o utilizzando il prodotto dello sponsor. Questo però, funzionerà solo se l’influencer è il tipo di persona che userebbe normalmente nella sua vita quotidiana quel prodotto. Tentare di incoraggiare un influencer a promuovere un prodotto inappropriato non porta mai al raggiungimento degli obiettivi ma anzi vi farà sprecare budget inutilmente.

Per fare un esempio concreto, non riuscirete a vendere apparecchi acustici su TikTok con successo (vista l’utenza prevalentemente under 25).

Non preoccuparti della qualità dei video del tuo influencer, l’utente medio di TikTok è interessato all’originalità e al divertimento piuttosto che alla qualità del video stesso.

Pubblicità TikTok

TikTok ha sperimentato la pubblicità nell’ultimo anno e la piattaforma di advertising di TikTok si sta consolidando. TikTok ha iniziato a mostrare annunci brevi a gennaio 2019 e la piattaforma sta attualmente testando l’advertising sia negli USA che in Europa.

Oltre alla pubblicazione del proprio piano editoriale sono possibili diverse opzioni a pagamento (se in Italia sia già possibile non l’ho capito, ho compilato un form, mi hanno risposto che mi contattano ASAP… ):

  • brand takeover: adv inserita nel flusso di navigazione in esclusiva (un solo brand al giorno).
  • in-feed native video: video skippabili brevi (9–15 secondi) presentati nell’area “per te” (una specie di home page contenente video che potrebbero piacerti)
  • hashtag challenge: sfide a tema sponsorizzabili per generare brand awareness. Per esempio Guess ha lanciato l’anno scorso la campagna #inmydenim
  • brand lenses: “maschere” personalizzate stile Shapchat che gli utenti possono utilizzare a proprio piacimento

TikTok vs. Instagram

Se instagram è definito il photo social per eccellenza, allora TikTok può tranquillamente essere considerato il video social.

Anche in questa piattaforma gli utenti possono seguire determinati account e mettere like, commentare e condividere i loro contenuti, ma a differenza di tutti gli altri social network e di Instagram in particolare, Tik Tok non punta sulle persone ma investe sui contenuti che gli utenti pubblicano. In altre parole, non è necessario seguire qualcuno per ritrovarsi un newsfeed ricco: l’app seleziona per te una serie di video di tendenza che puoi guardare anche se non segui nessuno (li trovi nella sezione “per te”).

A quanto pare, Instagram sta lavorando a un nuovo tool che replicherebbe le principali funzioni di TikTok. Si chiamerà Clips e l’esperta di reverse engineering, Jane Manchun Wong, spiega che:

“Proprio come TikTok, Clips consentirà agli utenti di registrare segmenti di video in una video story. Proprio come TikTok, gli utenti potranno aggiungere la musica ai clip. Proprio come TikTok, gli utenti saranno in grado di regolare la velocità e il timer di ogni video”.

Rimaniamo quindi in attesa della grande novità. 😉

Come aumentare i follower su TikTok

La domanda che pone sempre chi si avvicina al Social Marketing viene posta continuamente è proprio questa: come faccio ad aumentare i miei follower e come posso avere più follower su TikTok?Le risposte in realtà sarebbero tante e talmente articolate da essere materiale per un nuovo articolo del nostro blog.

Il concetto di base però è che non è importante avere milioni di follower o di like se questi non sono utili al tuo obiettivo finale (che esso sia l’acquisto di un prodotto o l’iscrizione a una newsletter). Ciò che è veramente importante per il vostro Business è acquisire follower in target, quindi persone che possano realmente essere interessate al vostro brand e ai vostri prodotti, alias potenziali clienti.

Ora starete pensando:

“Tutto molto bello ma come trovare il tempo anche per questo?”

Conclusioni

Sicuramente TikTok rappresenta una interessante novità nel mondo del Social Marketing e le potenzialità sono molto promettenti. La caratteristica del canale social lo rende particolarmente appetibile per i marketers che intendono operare su target specifici, soprattutto mercati di tendenza e giovanili (fashion, gaming, cosmetica, etc.).

La piattaforma ads di TikTok è ancora molto acerba e non presenta le caratteristiche avanzate di piattaforme consolidate quali Google Ads, Facebook Ads, Linkedin, etc. ma da quello che si capisce stanno lavorando sodo per cominciare a monetizzare la piattaforma e potete contarci che, visti i numeri, ce la metteranno tutta.

Inoltre TikTok presenta un canale interessante per gli Influencer che possono lavorare bene sul personal brand e sulla capacità creativa. Per le aziende che intendono sfruttare il proprio canale TikTok, occorre essere coscienti che questo canale richiede molta creatività ed impegno, forse più di altri canali. Gestire un account social su TikToke i progetti che coinvolgono influencer è di certo molto impegnativo a livello di tempo ma potete scegliere di non essere soli in questa nuova esperienza 😉

Neting si occupa di Social Media Marketing dal 2013 e segue Aziende e Brand nell’attuare le più efficaci strategie di marketing sui canali social.

Battere i vostri competitor sul tempo ed essere tra i primi del vostro settore a sfruttare questo nuovo social potrebbe dare grandi soddisfazioni 🙂

Ora la domanda la faccio io a voi: cosa state aspettando ed entrare in azione? Contattateci 😉

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe Interessarti

Luca Mainieri
Dal 2013 sono l’orgoglioso papà di Francesco e Camilla, due panzottini che hanno reso la mia vita più ricca di emozioni. Dal 2002 mi occupo di web in modo professionale, prima come programmatore e successivamente come consulente webmarketing e seo / ppc e social media. Nel 2009 ho creato Neting, con la quale forniamo servizi professionali di sviluppo (realizzazione App e siti Web) e consulenziali (web marketing e promozione SEO / PPC).
Condividi
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
SCRIVI UN GUEST POST

Sei un blogger e sei interessato a scrivere articoli per il Blog di Neting?

Vuoi approfondire questo argomento?

Vuoi saperne di più? Hai bisogno di aiuto per il tuo business?
I nostri esperti sono a tua disposizione.