Klout Score: il Punteggio che Misura la Tua Influenza sui Social

Al giorno d’oggi ci sentiamo tutti un po’ social influencer: Ma chi realmente si può sentire tale? Tra i tanti strumenti per misurare quanto ciò che pubblichiamo sul web influenzi il pubblico spicca Klout, uno strumento lanciato sul mercato nel lontano 2008 che classifica la popolarità degli iscritti misurando e incrociando una serie di dati.

Questo strumento, molto popolare nel mondo del digital marketing, è utilizzato dalle agenzie per valutare come veicolare al meglio i messaggi di un brand. Per alcuni Paesi, soprattutto per l’Inghilterra, Klout è la bibbia relativamente al mondo social: non c’è curriculum che non presenti il punteggio Klout.

In questo articolo vedremo cos’è il Klout Score, come viene calcolato e qual è il punteggio medio italiano.

“Il punteggio di Klout è inversamente proporzionale alle ore di lavoro in una giornata.” – cit.

Cos’è il Klout Score e Come si Calcola

Klout, come funziona? Il sistema di Klout associa un punteggio da 1 a 100 a ciascun utente, misurando l’engagement degli utenti sui propri canali social.

Questo strumento analizza tutti i canali social che l’utente aggiunge al sistema, ma attenzione: Klout non fa una media della tua influenza su tutti i canali, bensì li accorpa, li accumula. Quindi più canali inserisci e più avrai possibilità di scalare la classifica degli utenti più influenti a livello globale.

Esempio punteggio Klout

Ma l’influenza non va confusa con il volume di azioni che svolgiamo sui social; infatti essere molto attivi e avere tanti followers non vuol dire necessariamente avere un alto punteggio Klout. Ciò che fa aumentare l’indice Klout è l’engagement: quanti commenti riceviamo? Quanti likes? Quante condivisioni? Quante visite riceve il nostro sito web?

L’algoritmo di Klout è assai complesso e prende in considerazione 400 diverse variabili: non solo considera quanti like, commenti, condivisioni o retweet riescono a collezionare i nostri contenuti, ma considera anche la natura delle reazioni. Le reazioni che riuscirai a strappare a chi di solito non commenta, non condivide o non mette like, avranno un valore più alto rispetto a quelle provenienti da chi di solito è abituato a interagire in rete.

Come è facile intuire, questo strumento penalizza chi ha seguito procedure poco etiche per aumentare i propri numeri, in quanto l’engagement si abbassa se abbiamo tantissimi followers che però non interagiscono con ciò che pubblichiamo.

Ma tutto questo va preso con le pinze: Klout non ha nulla di scientifico, e per alcuni anzi è uno strumento inaffidabile. Anche se, innegabilmente, si riesce a non buttare l’occhio al punteggio Kloud, se è alto può essere considerato dalle aziende e dai brand come un buon biglietto da visita.

Klout: Punteggio Medio e Punteggio “Ideale”

Il punteggio medio degli utenti di Klout è di circa 20, anche se un valore significativo deve quantomeno raggiungere i 40 punti. L’ideale è un punteggio intorno ai 60, ma più il valore è alto e più sarà difficile elevarsi al numero successivo.

Se il tuo punteggio Klout è inferiore a 40 probabilmente, nella tua strategia di comunicazione, stai sbagliando qualcosa. Magari pubblichi dei contenuti che non incoraggiano gli interventi e le reazioni di chi ti legge, o forse hai scelto i canali sbagliati per raggiungere il tuo pubblico. Dovresti fare un auto esame: pubblichi contenuti utili? Infatti se dai informazioni di valore, se pubblichi contenuti divertenti / emozionanti / suggestivi, potrai avere più possibilità di ricevere like, commenti e condivisioni.

Come incrementare il Klout Score

Un aspetto interessante del Klout Score è la possibilità di consultare le metriche giornaliere, così da monitorare cosa sta funzionando e cosa no. Dobbiamo sperimentare e strutturare una strategia, e vedere come reagisce la gente.

Klout Score e metriche da consultare

In ogni caso lo stesso fondatore di Klout ci chiede di non essere troppo esigenti e di non aspettarci chissà che numeroni; infatti ci comunica che:

“Su Klout, per restare sopra agli 80, ti serve la visibilità che ti regala la televisione, magari avere anche una pagina su Wikipedia”. – Joe Fernandez

Klout: Quali Canali Si Posso Aggiungere 

Quando ci si iscrive a Klout si può avere qualche perplessità sui social da inserire: dobbiamo o non dobbiamo inserire i social dove non si è particolarmente attivi? La risposta è sì: ricordati che Klout non fa una media dei seguaci ma un cumulo. Detto questo, ecco quali canali puoi inserire per la valutazione:

  • Twitter
  • Facebook
  • Facebook Page
  • Google+
  • Instagram
  • Linkedin
  • Pinterest
  • com
  • YouTube
  • Blogger
  • Flickr
  • Foursquare
  • fm
  • Tumblr
  • Yamme

Su Facebook occorre fare una precisazione: non è possibile a oggi inserire sia la propria pagina Facebook che il profilo personale, ma solo uno dei due. Molto interessante la possibilità di inserire il proprio blog (se è sviluppato su WordPress o su Blogger).

Case Study Utile: Sam Fiorella 

Curioso il caso di Sam Fiorella, un esperto di marketing che ha collaborato con brand grandissimi come Kraft, Ford e Aol: ebbene, la sua candidatura è stata scartata da un’agenzia di marketing canadese per via di un punteggio Klout ritenuto troppo basso (fonte Wired). La storia ha fatto il giro del mondo, a dimostrazione del fatto che i numeri, in fondo, non sono tutto, e si può essere influenti anche per il semplice fatto di essere competenti.

Conclusioni

Klout ha di certo perso la popolarità che aveva fino a qualche anno fa perché l’impatto dei social influencer sul mercato è cambiato e le aziende si approcciano al web marketing in maniera diversa rispetto al passato.

Tuttavia è uno strumento molto utile che probabilmente le agenzie di comunicazione e le aziende utilizzano ancora. Se non altro ci darà modo di auto esaminarci e valutarci, senza l’ansia dei numeri, poichè il valore di ciò che comunichiamo a chi ci segue va oltre ogni numero e ogni classifica.

Condividi
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbe Interessarti

Marco Zucca
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Contatta un consulente ora

Vuoi saperne di più? Hai bisogno di aiuto per il tuo business?
I nostri esperti sono a tua disposizione.

SCRIVI UN GUEST POST

Sei un blogger e sei interessato a scrivere articoli per il Blog di Neting?